Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

QS - Lo Spezia chiamato a una prova d’orgoglio. Cuore e coraggio per battere il Cittadella

QS - Lo Spezia chiamato a una prova d’orgoglio. Cuore e coraggio per battere il CittadellaTuttoB.com
Verde
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
venerdì 16 febbraio 2024, 09:14Spezia
di Marco Lombardi

"Lo Spezia chiamato a una prova d’orgoglio. Cuore e coraggio per battere il Cittadella", titola il Quotidiano Sportivo. 

D’Angelo punta su Verde e Jagiello a supporto di Falcinelli, Di Serio dopo il gol a Terni scalpita per una maglia. Gelashvili al rientro.

Andare oltre i numeri impietosi e i limiti evidenti che relegano lo Spezia nei bassifondi della classifica di Serie B, mettendo il cuore oltre l’ostacolo. È ciò che il popolo bianco si attende dagli Aquilotti nel match di domani pomeriggio, al ‘Picco’, contro un Cittadella reduce da quattro sconfitte consecutive, privo del difensore Negro squalificato e, probabilmente, dell’ex Kornvig che a Spezia non ha lasciato traccia e ora pare destinato al Brann nel campionato norvegese. In sintesi, si reclama una prestazione da cuore caldo, all’insegna del coraggio, del temperamento, della determinazione. Una partita da Spezia, dove le differenze di valori in campo tra le due compagini, certificate dalla forbice di ben 14 punti in graduatoria (22 punti per le Aquile, 36 per il Cittadella), dovranno essere annullate con le armi dell’umiltà e dell’agonismo ad oltranza. Se ci si soffermasse sul ruolino di marcia dello Spezia (ultimo per rendimento interno con una sola vittoria, peggior attacco del torneo con 21 gol e ben 36 reti subite) rispetto a quello del Cittadella (30 reti all’attivo, 29 quelle incassate), non ci sarebbe di che stare allegri, ma il bello del calcio è che non sempre vince il più forte. Un assunto che vale ancora di più se la squadra si chiama Spezia, se lo stadio è il ‘Picco’, se la tifoseria è quella aquilotta [...].