VERSIONE MOBILE
  HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
Da TuttoB.com le ultimissime notizie sul campionato cadetto
SONDAGGIO
GIRONE D'ANDATA: CHI CHIUDERA' IN TESTA?
  BARI
  PARMA
  PALERMO
  FROSINONE
  VENEZIA
  CREMONESE
  EMPOLI
  CITTADELLA

EDITORIALE

Hellas: 27 anni dopo, ancora la "fatal" Cesena. Ternana a un passo dal miracolo salvezza. Trapani, un solo risultato a disposizione

18.05.2017 11:20 di Marco Lombardi   articolo letto 4393 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

29 aprile 1990, ultima giornata del girone di ritorno del massimo campionato: una data scolpita nella memoria dei tifosi del Verona. Al “Dino Manuzzi” di Cesena un gol del “condor” Agostini condanna l’Hellas alla retrocessione in serie B. È la fine di un ciclo, che cinque anni prima aveva visto gli scaligeri laurearsi Campioni d’Italia. Era il Verona di Pierino Fanna e Luciano Favero, di Tullio Gritti e Maurizio Iorio… Era il Verona di Osvaldo Bagnoli, il “Vate della Bovisa”. Per un curioso scherzo del destino, questa sera l’Hellas potrebbe ritrovare la serie A proprio a Cesena nell’ultimo turno della stagione regolare del campionato cadetto. Senza scomodare la teoria dei corsi e ricorsi storici di Giambattista Vico, è tuttavia evidente che questa sfida  trasuda pathos da tutti i pori. A Cesena ci sarà il pubblico delle grandi occasioni: da Verona è atteso un esodo di massa, con oltre 4.000 tifosi pronti ad invadere il “Manuzzi” per trascinare i gialloblù verso una meritata promozione. Ad infuocare il clima della vigilia ci ha pensato la “Curva Mare”, settore dove si assiepano le frange più calde del tifo bianconero, che attraverso un duro comunicato ha intimato alla squadra di Camplone di rifuggire la tentazione di approcci “balneari” e di giocare per vincere, al fine di sbarrare la strada per la serie A ai veneti, coi quali esiste una fiera rivalità di antica data. Dal canto suo l’Hellas - cui basterà un pareggio per avere l’aritmetica certezza della promozione - non potrà permettersi di gestire la partita e speculare sul risultato, bensì dovrà ripetere l’ottima prestazione fornita in casa col Carpi cercando di essere meno sprecone e più cinico.

La vittoria ai danni della Spal capolista ci ha consegnato una Ternana organizzata, spavalda, garibaldina… E con tutte le carte in regola per agguantare una salvezza che avrebbe del miracoloso. Specie ove si tenga conto del fallimentare interregno di Gautieri, costellato di sconfitte e prestazioni imbarazzanti, che aveva fatto sprofondare le Fere a distanza siderale dalla zona salvezza (-8 dai play-out e addirittura -9 dalla salvezza diretta). Un’empatia mai sbocciata quella fra il tecnico partenopeo e la squadra, come di recente avallato dalle dichiarazioni al vetriolo rilasciate da Manuel Coppola, ex capitano nonché leader carismatico dello spogliatoio: “Abbiamo giocato 7 gare senza un allenatore, ma Liverani ha riportato il sorriso…”. Ora la Ternana è padrona del proprio destino.  L’ultimo ostacolo fra gli umbri ed un traguardo che solo qualche settimana fa sembrava utopistico si chiama Ascoli. I bianconeri di Aglietti, aritmeticamente salvi in virtù del blitz di Bari, saranno privi dei gioielli Favilli, Orsolini e Cassata, impegnati con la Nazionale Under 20 ai Mondiali di Corea del Sud: defezioni pesanti, che finiranno per depauperare un organico già di per sé non trascendentale. Violare il “Del Duca” è sempre impresa ardua, ma pare compito alla portata di una squadra che, grazie all’avvento di Liverani e ad un’indovinata campagna acquisti invernale, si è ricompattata  ingranando le marce alte e viaggiando a ritmi play-off.

 L’inatteso e scottante ko rimediato al “Provinciale” ad opera del Cesena ha complicato maledettamente i piani del Trapani, rendendo impervia la strada che conduce alla salvezza diretta. A Brescia  i granata non avranno alternative alla vittoria per scongiurare il rischio di giocarsi tutto nella lotteria dei play-out. Resta in piedi, peraltro, anche l'eventualità di una clamorosa retrocessione diretta nel caso di sconfitta al "Rigamonti" abbinata ad una contestuale, catastrofica, combinazione di risultati sfavorevoli. Contro i romagnoli si è vista una squadra arruffona, scollegata ed in perenne affanno sin dall’inizio: un squadra, divorata dalla frenesia del risultato a tutti i costi, che ha prestato  il fianco ai "Dioscuri" Ciano e Rodriguez, liberi di “pascolare” indisturbati in praterie sconfinate. E con alcuni elementi parsi sfibrati, sfiancati da un inseguimento snervante ed interminabile. La sensazione, infatti,  è che il logorio psicofisico, dovuto alla straordinaria cavalcata che ha permesso agli isolani di riemergere dai fondali della classifica, cominci a farsi sentire. Così come i primi caldi. E sarebbe davvero un peccato se il Trapani si sfaldasse proprio ora, nel momento cruciale della stagione…

 

 


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie EDITORIALE
 

Primo piano

ESCLUSIVA TB - Pro Vercelli, Atzori ha firmato: e' il nuovo tecnico Gianluca Atzori riparte da Vercelli: e' il nuovo tecnico della Pro. Terminata pochi minuti fa la riunione fiume che ha portato al sì definitivo per un accordo fino al prossimo giugno. Ve ne avevamo parlato, ora Atzori torna in pista per preparare un match fondamentale contro...
CANALI TUTTOB
CANALI TUTTOB
L'altra metà di Serie B, 18a giornata: la TOP 11 di TB Organizzazione, accortezza, cinismo: incurante delle vicende societarie, un Palermo rimaneggiatissimo schianta il Bari al "San...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita è...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Gianluca Atzori: ''Venezia sorpresa, Perugia delusione. Ecco chi mi ha sorpreso tra tecnici e calciatori...''' La cadetteria entra nel vivo e il mercato e' alle porte, momento in cui i club iniziano a tirare le prime somme. In esclusiva ai...
L'altra metà di Foggia-Venezia, finale incandescente: rissa sfiorata tra le due dirigenze Al triplice fischio di Foggia-Venezia, anticipo della diciannovesima giornata del campionato cadetto disputata ieri sera, si è...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 17 dicembre 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi domenica 17 dicembre 2017.

 
Palermo 35
 
Bari 32
 
Frosinone 31
 
Parma 31
 
Empoli 30
 
Cittadella (-1) 28
 
Cremonese 28
 
Venezia 28
 
Salernitana 26
 
Spezia 26
 
Carpi 25
 
Perugia 23
 
Novara (-1) 23
 
Cesena 22
 
Avellino 22
 
Virtus Entella 21
 
Brescia (-1) 21
 
Pescara (-1) 21
 
Foggia 19
 
Ternana 18
 
Pro Vercelli 18
 
Ascoli Picchio 16

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.