Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

Piacenza: marchio Unicef sulle maglie, ma di favori arbitrali non se ne parla...

Piacenza: marchio Unicef sulle maglie, ma di favori arbitrali non se ne parla...TuttoB.com
© foto di Francesco Letizia
mercoledì 4 maggio 2011, 16:30Piacenza
di Renato Chieppa
fonte Goal.com
Il club biancorosso (come il Barcellona) ha deciso di utilizzare il famoso brand benefico sulla maglia dal 2002/2003. Orgoglioso Fabrizio Garilli: "Continueremo il sodalizio".

Ha fatto molto scalpore l'uscita di Josè Mourinho dopo la sconfitta del suo Real contro il Barcellona nella semifinale d'andata di Champions League. Lo Special One parlò in sala stampa di blaugrana avvantaggiati dagli arbitri forse anche per il marchio Unicef sulla maglia, parole che hanno creato sdegno ed indignazione nel mondo del calcio.

Anche una società italiana è da un decennio sponsorizzata dall'Unicef: si tratta del Piacenza. E di certo il club di Fabrizio Garilli (in piena lotta per non retrocedere in Lega Pro) non è troppo favorito dai direttori di gara: "Non siamo mai stati avvantaggiati dagli arbitri. Lunedì ci hanno squalificato Cacia per tre turni, sabato a Torino ci hanno dato contro un rigore molto dubbio - ha ammesso il presidente biancorosso sulle pagine de 'Il Giornale -. Siamo noi, con questo sodalizio, a favorire belle cose. Per i bimbi".

Il numero uno del club piacentino è orgoglioso di questa partnership, che in Italia ha avuto precedenti anche a Catanzaro e a Brescia: "Il presidente della sezione provinciale, l’avvocato Gianni Cuminetti, mi propose di devolvere all’associazione benefica l’incasso di una partita. A me sembrava riduttivo, ho voluto farlo sistematicamente - ha spiegato Garilli -. Dal 2002/2003 diamo all’Unicef il 7,5% dei nostri introiti: la cifra non è importante, conta lo spirito. Assieme al sindaco di Piacenza e allo stesso Cuminetti sono sceso in Congo, nella capitale Kinshasa, a inaugurare una struttura per aiutare i bambini di strada. Noi continueremo il sodalizio finché sarò al vertice della società: magari qualcuno a Piacenza si augura che si finisca presto, la mia famiglia è proprietaria da 29 anni".