Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

Piacenza, Madonna: " Ingiusto parlare di mancato impegno"

Piacenza, Madonna: " Ingiusto parlare di mancato impegno"TuttoB.com
© foto di Foto Alberto Mariani
sabato 23 aprile 2011, 00:00Piacenza
di Federico Errante
fonte www.sportpiacenza.it

Armando Madonna analizza così il pesante 0-2 interno subito dal Cittadella: «Fino al momento del loro gol avevamo giocato anche in fase offensiva, anzi direi che avevamo in mano la partita. Poi abbiamo subito il gol, che è stata praticamente la loro prima occasione. Fino a quel momento secondo me avevamo avuto la giusta calma e il giusto atteggiamento. Nel secondo tempo poi abbiamo faticato parecchio, non riuscivamo a trovare gli spazi. Comunque alla fine è il risultato ciò che conta e noi non abbiamo raggiunto il nostro obiettivo e adesso dobbiamo ragionare su quello che stiamo facendo. Il Cittadella era una squadra molto chiusa ma noi potevamo fare gol. Invece l’abbiamo subito per primi; è chiaro che psicologicamente questa cosa ha avuto un impatto negativo. Credo non sia giusto parlare di mancato impegno da parte dei giocatori. Non voglio difendere me stesso e neanche i giocatori, ma non credo sia giusto dire che la squadra non si è impegnata. Abbiamo creato dieci corner nel primo tempo e preso un palo, ed è la dimostrazione che l’impegno c’è stato. In questo momento manchiamo sull’uno contro uno e conseguentemente facciamo fatica. Tornassi indietro rimetterei in campo Rickler perché la mia intenzione era quella di aggredire alto il gioco del Cittadella, e quindi costringerli a usare le palle lunghe sulle quali avrei sfruttato la sua altezza: oltre che reagire alla loro fisicità. Credo che il problema sia più che altro mentale: abbiamo perso di autostima, subiamo troppi gol e questo non va bene. Fisicamente invece, anche in settimana, ho visto una squadra che cresce da Catinali a Daniele Cacia stesso».