Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

Piacenza, Arioli: "Quanto manca Cacia..."

Piacenza, Arioli: "Quanto manca Cacia..."TuttoB.com
© foto di Giacomo Morini
giovedì 12 maggio 2011, 15:55Piacenza
di Redaz. TuttoB.com

Le tre giornate di squalifica rimediate da Daniele Cacia dopo l'espulsione nel match contro il Torino hanno portato a sette (nelle ultime dieci) quelle di assenza forzata del bomber del Piacenza. Un fardello pesante per mister Madonna che si è ritrovato- nel momento clou della stagione - senza una delle frecce più importanti del suo arco.

"Il punto è proprio questo - osserva Emanuele Arioli, consulente di Psicologia dello Sport - poiché oltre a punire oltremodo Daniele, la squalifica ha privato il mister di un uomo fin qui determinante nel suo scacchiere. Questo senza nulla togliere agli altri anche perché Piccolo, Guerra e Guzman si stanno comportando in modo egregio, ma per Madonna, che peraltro ha già dovuto far fronte all’infortunio di Graffiedi, è una forte penalizzazione"

Un'espulsione, quella dello stadio Olimpico del 30 aprile scorso , che effettivamente ha fatto storcere il naso a molti: "Invito ad andare a rivedere il filmato dell'episodio – prosegue Arioli - . Il divincolarsi in area di rigore è qualcosa di naturale tanto che se si prendessero provvedimenti simili in tutte queste circostanze fioccherebbero, ingiustamente, i cartellini rossi. Può anche darsi che Cacia abbia pagato in parte la recidività, tuttavia la punizione resta spropositata"