HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TuttoB.com: notizie di Serie B
TMW Radio
SONDAGGIO
Stadi in Serie B, sarebbe giusto riaprire le porte al pubblico?
  SI
  NO
  SI, ma tenendo un massimo di 1000 spettatori

Cittadella

Cittadella, Marchetti: "Non siamo più una favola e vogliamo restare in alto"

29.12.2019 10:00 di Marco Lombardi  
Fonte: padovasport.tv
Marchetti
Marchetti

Dici Cittadella e pensi a Stefano Marchetti. Tra i principali artefici dei successi granata, il dg ha evidenziato come il Citta non sia più una sorpresa ma una realtà consolidata. 

(...) Non mi piace più sentir parlare di favola o di sorpresa. Siamo ad alti livelli non si può parlare di sorpresa. Non è sicuramente facile per noi coniugare le possibilità con i risultati e per questo si parte con umiltà, lavorando solo per step. Poi se riusciamo a rimanere ad alti livelli non ci tiriamo indietro. Lo scorso anno siamo stati a 20′ dalla Serie A, uscendo in maniera particolare rimanendo in nove uomini in campo. Il Cittadella in Serie A sarebbe stata una bella cosa e non solo per la nostra realtà, ma per tutto il nord della provincia di Padova. Sono convinto che avremmo fatto numeri importanti. Noi vogliamo fare bene e non siamo più una sorpresa.

Serve guardare alle serie inferiori, creare il gruppo e valorizzare ciò che abbiamo. Anche quest’anno abbiamo cambiato molto perché è giusto lasciar partire chi ha ambizioni di carriera ad alto livello. Perché bisogna ricordarci che il Cittadella deve esserci oggi, domani e dopodomani. Bisogna fare calcio con ciò che si può fare. Così le società non falliscono e non vanno in difficoltà.

Serve grande senso di appartenenza. Lavorare in una società che senti dentro è un qualcosa d’importante. Il giorno che sentirò che qualcosa non va sarò il primo ad andare via. Andare in un club senza sapere ciò che posso fare non me la sento. In 20 anni ho avuto tre allenatori: Maran, Foscarini e Venturato. Il segreto è che qui un allenatore fa l’allenatore. Qui sono protetti e hanno la nostra fiducia. Io non lo metterò mai in discussione l’allenatore perché non voglio creare alibi. Qui si possono perdere anche dieci partite e il mister non sarà mai in discussione.

Diaw? È cresciuto tantissimo, ha trovato qui da noi l’ambiente giusto e la fiducia. Fiducia che si è conquistata con il lavoro. Si è migliorato quotidianamente. Un altro giocatore che sta facendo un salto di qualità incredibile è D’Urso. Ha avuto un percorso un po’ particolare ma adesso si sta esprimendo ad altissimi livelli. Sapere di poter sbagliare è un fattore importante perché ti permette di sbagliare ogni giorno un po’ di meno. Luppi? Cerco sempre di stare attento a trovare quei giocatori che hanno fatto un percorso sbagliato e che provo a riportare sulla strada giusta. Io devo prendere un giocatore che può diventare capocannoniere e non il capocannoniere dell’anno prima. Davide per problemi fisici si era un po’ perso e quando ho avuto l’opportunità di prenderlo non ho esitato. L’entusiasmo che ci mette ripaga quello che gli abbiamo dato.

Il campionato di B è molto bello perché non c’è mai una gara facile. Se non sei al 1000% non vinci né con la prima né con l’ultima. Ogni partita è una battaglia e se non parti bene e vai in difficoltà poi è complicato riprendersi. Penso a Chievo ed Empoli. La squadra che fa un buon calcio è il Crotone che, smaltita la delusione della retrocessione dello scorso anno, può ambire a fare qualcosa di buono. Detto questo Chievo ed Empoli quando ingraneranno hanno tutto per farlo alla grande. Il Benevento ha un organico e una mentalità che mi fa credere che abbia già il campionato in tasca. Riesce, ad esempio, di segnare e non incassarne. Hanno in testa chiaro il loro obiettivo e sanno portare a casa la partita a casa incartando anche l’avversario. Sono rognosi, solidi, difficili da battere. Solo il Benevento può mettersi in difficoltà da solo”.


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Cittadella
 

Primo piano

Schira: “Pescara avanti con Oddo. Prossime gare decisive”  Dopo una riunione dirigenziale il Pescara ha deciso di rinnovare la fiducia al tecnico Massimo Oddo. Decisive le prossime gare: serve una inversione di tendenza sul piano del gioco e dei risultati. Possibile l’innesto di un rinforzo nel reparto offensivo da pescare tra gli svincolati....
CANALI TUTTOB
CANALI TUTTOB
L'altra metà di TOP & FLOP - Empoli-Pisa Terza vittoria consecutiva e testa della classifica solitaria, in attesa delle gare di domani. L'Empoli dopo la Spal rimonta in...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita è...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Cittadella, il dg Marchetti sul mercato: "Ceduti due giocatori importanti, acquistati giovani di buona prospettiva" Ai microfoni di TuttoB, Stefano Marchetti, direttore generale del Cittadella capolista del campionato cadetto, ha tracciato un bilancio...
L'altra metà di Serie B, 5a giornata: oggi gli ultimi due posticipi Si completerà oggi, con i posticipi Cosenza-Lecce (ore 15) e Cremonese-Brescia (ore 21), la 5a giornata del campionato di Serie...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 25 ottobre 2020

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi domenica 25 ottobre 2020.

 
Empoli 13
 
Salernitana 11
 
Cittadella (-1) 10
 
Frosinone 10
 
Chievo Verona 10
 
Venezia (-1) 7
 
Reggina 7
 
Spal 6
 
Lecce (-1) 5
 
Ascoli 4
 
Brescia (-1) 4
 
Reggiana (-1) 4
 
Cosenza (-1) 4
 
Pordenone 4
 
Pisa 3
 
Monza (-1) 3
 
Cremonese (-1) 3
 
Virtus Entella (-1) 3
 
Vicenza (-1) 2
 
Pescara 1

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy