Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

GdS - Catanzaro, ultimo ballo sulle punte

GdS - Catanzaro, ultimo ballo sulle punteTuttoB.com
Magalini
© foto di Federico De Luca
giovedì 1 febbraio 2024, 10:23Catanzaro
di Marco Lombardi

"Catanzaro, ultimo ballo sulle punte", titola la Gazzetta del Sud. 

Il ds Magalini cercherà di individuare quell’attaccante da consegnare a Vivarini sul filo di lana del mercato.

Restano poche ore per sbrogliare il nodo attaccante, fino alle 20 di stasera. Come tanti altri club di Serie B, il Catanzaro è arrivato all’ultimo giorno di mercato senza aver centrato il suo obiettivo: prendere un centravanti di peso che completi le caratteristiche del reparto. Il direttore sportivo Magalini è da ieri allo Sheraton di Milano per tentare il colpo seguendo due strade.

La prima è indipendente da contropartite tecniche, in questo caso fra gli obiettivi c’è Di Serio dell’Atalanta Under 23, che i bergamaschi vorrebbero cedere a titolo definitivo monetizzando l’investimento solo sei mesi fa. Di Serio è un 2002 ma la B l’ha già fatta e risponde all’identikit fatto da Vivarini. La seconda strada ipotizzerebbe lo scambio con Donnarumma, arrivato in estate in prestito dalla Ternana, ma mai realmente convincente. In ogni caso, anche quest’ultima operazione è parecchio complicata perché attaccanti strutturati ce ne sono pochi e chi li ha è orientato a tenerseli. Basti l’esempio della Sampdoria con De Luca, diventato titolare per i tanti infortuni in avanti della squadra di Pirlo: i blucerchiati hanno detto un no secco al sondaggio partito dalla Calabria nonostante il ragazzo fosse inizialmente disponibile al trasferimento.

Moro, invece, è un discorso diverso, perché il centravanti di proprietà del Sassuolo e in prestito allo Spezia aveva già rifiutato il Catanzaro quest’estate, ha opposto un no grazie anche al principio di questa sessione, poi ha progressivamente cambiato salvo tornare sui suoi passi convinto dalle lusinghe della Reggiana, che lo prenderebbe in prestito per diciotto mesi e gli garantirebbe spazio da titolare in virtù dell’infortunio di Gondo, e comunque ancora blandito pure dalla Samp, che sta allargando il suo raggio d’azione sul mercato grazie ad alcune cessioni.

Fino alla serata di ieri la questione Moro era ancora aperta, ma in salita. Tra l’altro Moro non è ancora stato liberato dallo Spezia: lo farà se troverà il sostituto (Pittarello del Cittadella) dopo che Maric, sembrava diretto in Liguria dopo aver rifiutato il Catanzaro, ha preferito tornare a casa in Croazia (al Rijeka) per giocarsi le chance di convocazione in nazionale [...].