Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

CorSport - Catanzaro freme. Assalto al Brescia

CorSport - Catanzaro freme. Assalto al BresciaTuttoB.com
Vivarini
giovedì 16 maggio 2024, 10:46Catanzaro
di Marco Lombardi

"Catanzaro freme. Assalto al Brescia", titola il Corriere dello Sport. 

Giorni di vigilia. L’attesa c’è ma viene bilanciata da una certa tranquillità, con la squadra che lavora nella massima concentrazione e facendo le cose di sempre. Il Catanzaro che approccia per la prima volta ai play off per la serie A, lasciando stare gli spareggi che nel 1971 lo portarono nel massimo torneo e che, invece, lo videro perdente nel 1975, è concentrato sull’impegno casalingo di sabato sera contro il Brescia che, quanto a play off disputati, è la società con più gettoni tra tutte (7) e, dunque, con esperienza da vendere nelle partite che valgono una stagione. Nelle fila del Catanzaro gli unici ad aver disputato playoff così importanti sono Nicolò Brighenti e l’ex di turno, il bomber Alfredo Donnarumma.

Col Brescia costretto a vincere per proseguire la tortuosa quanto lunga strada che conduce al salto di categoria, si ragiona sui temi tattici della gara del Ceravolo, col Catanzaro che non è abituato a fare calcoli o a giocare per il pari (solo 7 contro i 15 del Brescia), scendendo in campo sempre per cercare il massimo. Vivarini punta sempre alla prestazione e sta lavorando per eliminare le difficoltà che tanto nella gara d’andata (in casa da 2-0 a 2-3) che nell’incrocio del ritorno in Lombardia (pari subendo rimonta) la formazione di Rolando Maran (solo 5 ko dal suo arrivo) ha fatto patire al Catanzaro, sempre pimpante e spesso vincente con le altre squadre, ma in difficoltà con le rondinelle.

STADIO ESAURITO. Dopo aver riservato i primi giorni della settimana alla prelazione per gli abbonati (oltre 5.000), da ieri è toccato agli altri fare la fila davanti ai botteghini o acquistare online i tagliandi rimanenti. L’attesa è palpabile, ma Catanzaro risponde alla partita più importante degli ultimi 35 anni di storia in maniera matura. Oggi si tratta di aggiudicarsi le ultime centinaia di tagliandi disponibili dislocati nelle file più basse della tribuna centrale e della coperta est, in un impianto che sarà gremito in ogni ordine di posto, visto che anche da Brescia, indipendentemente dal gemellaggio tra le due tifoserie, è previsto il pienone nei 750 posti riservati. Il Comune si muove garantendo diverse navette che faranno la spola dai parcheggi più capienti dislocati più in basso rispetto al Ceravolo. Tutto pronto.

PRESIDENTE MANAGER. L’atmosfera piena di passione ha fatto anche capolino negli argomenti del presidente Floriano Noto, impegnato ieri a Roma nel raccontare, agli studenti del master in sport e management dell’università Luiss, il modello organizzativo adottato nelle ultime stagioni dal Catanzaro: «Sono felice che la società – ha spiegato Noto – venga considerata esempio virtuoso, da far conoscere e anche orgoglioso di portare la nostra esperienza in un contesto formativo così prestigioso».