HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TuttoB.com: notizie di Serie B
TMW Radio
SONDAGGIO
CAMPIONATO: SAREBBE GIUSTO TERMINARE QUI LA STAGIONE?
  SI
  NO

Primo piano

Gilardino: "Voglio allenare in B e in A. Empoli matrimonio sbagliato. Spezia e Palermo anni speciali"

10.04.2020 09:00 di Christian Pravatà  Twitter:   
Gilardino
© foto di Federico De Luca

L'allenatore della Pro Vercelli Alberto Gilardino si è raccontato senza filtri a trecentosessanta gradi in una lunga intervista sul canale Instagram del giornalista Nicolò Schira. Ecco le principali dichiarazioni del Campione del Mondo 2006. 

CORONAVIRUS - "Sono a casa a Forte dei Marmi con la mia famiglia. È un momento duro per tutti, ma dobbiamo in questo momento rimanere a casa, solo facendo questo sacrificio possiamo aiutare chi sta in prima linea, chi sta soffrendo e chi sta battagliando con questo terribile virus. In questo momento è necessario stare a casa, spero che lo facciano tutti". 

PRO VERCELLI - "Stiamo facendo un buon campionato in un girone non facile e giocando con tanti ragazzi giovani. A livello di età media e minutaggio in campo siamo con la Cavese la squadra più giovane di tutta la Lega Pro. Stanno crescendo tanti ragazzi insieme ad alcuni ragazzi di Vercelli come Graziano e Franchino, che essendo di Vercelli hanno rinforzato il legame con la città. La Pro è una società gloriosa: in estate abbiamo cambiato tanti giocatori, c'è stato un ringiovanimento della rosa rispetto alle stagioni precedenti. Mi sono trovato subito bene con il presidente Secondo e il direttore Varini, che in estate mi hanno cercato e voluto per affidarmi la guida della squadra. Finora abbiamo fatto un lavoro discreto, un’esperienza costruttiva e molto importante". 

MODULO - “Non mi piace fossilizzarmi sui numeri. Credo sia più importante l’impretazione rispetto ai moduli. Sono partito con il 4-3-3 poi ho virato sul 3-5-2 che era più congeniale ai ragazzi a disposizione”.

REZZATO - "Dopo aver preso il patentino volevo subito mettermi in gioco. Non ne facevo una questione di categoria, per questo ho accettato di scendere in Serie D a Rezzato dove c'era Luca Prina, che era stato mio allenatore alla Biellese nelle giovanili. Volevo provare ad allenare per capire se potevo essere in grado di farlo e se mi piaceva. Mi sono appassionato e sono contento della scelta fatta. È stata un'annata importante e molto formativa conclusasi con la qualificazione ai playoff". 

GIRONE A - “Dietro al Monza che è fortissimo, una corazzata mi sono piaciute molto Pontedera e Renate. Maraia e Diana hanno fatto molto bene. Aimo da due anni ha fatto cose importanti, dando una impronta forte alla squadra. Si nota in campo la sua mano. Mi piace molto anche Javorcic della Pro Patria: ho avuto l’opportunità di conoscerlo e apprezzo il modo in cui gestisce i giocatori”.

CAROSSO - "Mi ricorda Izzo e Cordoba. A livello di struttura Alessandro non è molto alto, ma è molto bravo nello stacco di testa e nell'anticipo. È solo un 2002, lasciamolo crescere ma ha potenzialità importanti".

GOL PIÙ BELLI - "Quello all'Inter con la maglia del Parma: mezzo sombrero a Cordoba e sforbiciata all'incrocio. C'era Toldo in porta. Per importanza scelgo quello a Liverpool con la Fiorentina che ci diede una vittoria storica e sempre in Champions quello in semifinale contro il Manchester United quando vestivo la maglia del Milan".

IDOLO DA BAMBINO - "Sono cresciuto in Piemonte e mio papà era tifoso juventino: andavo a vedere Gianluca Vialli, guardavo lui e le vhs di Platini e Marco Van Basten".

FIORENTINA - “Il debutto? Feci gol a Firenze sotto la Fiesole alla Juventus, credo non ci potesse essere debutto migliore. A Buffon poi ho segnato poco, ha fatto una carriera incredibile. Anche in allenamento ed in Nazionale si faceva fatica a fargli gol“.

MIGLIOR COMPAGNO DI REPARTO - "Giocare con uno come Morfeo era una goduria, lui sapeva come mi muovevo e mi serviva sempre bene. Kakà e Shevchenko erano straordinari, ma diversi, più punte. Jovetic e Mutu, incredibili anche loro, ma due seconde punte. Diamanti a Bologna, un tuttofare in fase offensiva. Vazquez a Palermo, un mancino di valore. Palacio al Genoa, intelligentissimo, sapeva sempre dove andare. Mi sono trovato bene con tutti". 

PRANDELLI- "Il mister e il suo staff a Parma mi hanno costruito come calciatore, con quel 4-2-3-1 lavoravamo a memoria. L’artefice era lui. Mi porto dietro la sua calma, il suo sapere dialogare con i giocatori“.

ESULTANZA COL VIOLINO - “È nata un giovedì sera. Durante una cena con Marchionni decidemmo di fare l’esultanza del violino: io lo mimavo dopo il gol e Marco faceva l’inchino. Dopo tre giorni abbiamo ho fatto gol contro l’Udinese: abbiamo vinto 1-0, ha portato bene e da lì è diventata la mia esultanza“.

PARMA - “50 gol segnati e tanti momenti da ricordare. Un’avventura fantastica. Anni stupendi: lottavamo per la Champions prima del crack Parmalat. Avevo un ottimo rapporto con la famiglia Tanzi e non me la sono sentita di abbandonare il Parma che era in difficoltà: l’ultimo anno fu molto sofferto anche se ricco di soddisfazioni. Nonostante le difficoltà, ci salvammo allo spareggio: segnai anche contro il Bologna e arrivammo fino alla semifinale di Coppa Uefa contro il CSKA Mosca. Peccato solo non aver giocato la semifinale a Mosca, ma Carmignani voleva preservarmi per lo spareggio...”.

UNDER21 - “L’atmosfera olimpica è qualcosa di unico. Vivere nel villaggio olimpico ti riempie di orgoglio, disputarle ad Atene è stata una grande soddisfazione. Ho avuto un rapporto bellissimo con mister Gentile, un tecnico molto preparato e carismatico che avrebbe meritato molto di più in carriera. Insieme abbiamo vinto l’Europeo e conquistato il bronzo ad Atene. Un 2004 meraviglioso”.

DERBY DI MERCATO - “L’estate 2005 andai in vacanza in Messico e prima di partire mi chiamò Galliani che mi disse di venire al Milan e che sarei stato un calciatore importante per i rossoneri almeno per i successivi 10 anni. Quando vidi che il Milan prese Vieri mi vennero dei dubbi, ma mi fidai della parola di Galliani. Così dissi di no anche a Roberto Mancini che mi voleva all’Inter e mi aveva cercato fortemente. Decisi di mantenere la parola data a Galliani“. 

MONZA - “Ho letto le voci che mi accostavano al Monza il mio ultimo anno da calciatore. Ho un ottimo rapporto col dottor Galliani, ma non c’è stato nulla col Monza”.

PUBALGIA- “Arrivai al Milan con la pubalgia, giocai per mesi con il dolore. Nonostante tutti feci una grandissima stagione, segnando 17 gol”.

RONALDO- “Giocaotore incredibile, il più forte che ho mai visto e con cui ho giocato. Un fenomeno. Peccato che era alla fine della carriera, ma anche in allenamento quando partiva palla al piede e ti faceva il doppio passo non lo fermavi mai”.

KAKÀ - “Ricardo andava più veloce del pallone. Talento e fisicità incedibile, al Milan è cresciuto in maniera esponenziale. Uno dei più forti con cui ho giocato”.

LIPPI - “Un uomo vero. Un grandissimo allenatore, bravissimo a compattare e cementare il gruppo in quel mese fantastico culminato nella vittoria del Mondiale. Mi sento molto legato a lui: ho giocato due Mondiali con Lippi allenatore”.

PIRLO -  “Se riuscirà a trasmettere le sue idee e i suoi valori, diventerà un grandissimo allenatore. Affrontarlo in Pro Vercelli-Juve U23? Sarebbe speciale”.

ADDIO MILAN - “Al Milan l’ultimo anno ebbi qualche difficoltà a giocare. Stavo bene, ero giovane, volevo giocare. Feci la scelta di Firenze per questo motivo: stare in panchina non mi piaceva, Prandelli mi chiamò diverse volte, Corvino anche. Aprimmo un ciclo, in una piazza come Firenze che vive per la Fiorentina, amano il calcio più di ogni altra cosa. Avevamo un grande gruppo e abbiamo fatto grandissime cose. Andavamo molto d’accordo, quello ti aiuta tanto per raggiungere grandi risultati”.

GRUPPO VIOLA - “Eravamo un grande gruppo. Io, Frey, Vargas, Gobbi, Marchionni, Semioli, Donadel: abbiamo fatto grandissime cose. C’era un feeling fortissimo. Ogni giorno stuzzicavo Semioli che rompeva le scatole a Vargas: ogni tanto Juan qualcuno di noi lo faceva volare in piscina...”.

SOGNO DA ALLENATORE - “In panchina si amplifica tutto. Conta tanto anche la testa: cerco di dare ai ragazzi uno stimolo mentale forte. Cerco di trasmettere il senso del gruppo: individualità possono migliorare il gruppo, ma si vince tutti insieme. Un passo alla volta voglio scalare le categorie: mi piacerebbe arrivare tra qualche anno in A anche da allenatore”.

MODELLI - “Mi piace molto Klopp per come gioca il Liverpool ma anche per la gestione che ha con i suoi giocatori”.

BAYERN-FiORENTINA: “In trasferta fu una partita anomala, ci arrabbiammo molto per l’arbitraggio, non posso negarlo. Eravamo convinti di passare…“.

DIFENSORE PIÙ FORTE - “Walter Samuel e Sandro Nesta”.

STADIO SPECIALE- “L’adrenalina che ti dà San Siro è unica e batte tutti”.

DEBUTTO IN A - "Era il 6 gennaio del 2000 e Gigi Simoni mi fece esordire contro il Milan di Maldini e Costacurta, con Billy che mi disse "Da dove spunti tu?".

PRIMO GOL IN A - "Piacenza-Venezia del 27 marzo 2000. È stato uno dei pochi gol che ho fatto da fuori area. Passaggio dalla destra di Buso e ho tirato di prima intenzione. Una gioia fortissima quel gol così come gli altri due che segnai in quella stagione, uno al Bari quando sbagliai anche un rigore, e al Toro".

VERONA - "Rino Foschi mi volle fortemente a Verona e mi acquistò in comproprietà dal Piacenza. Due anni particolari: il primo anno ci salvammo con Perotti allo spareggio contro la Reggina con gol di Cossato. L'anno dopo partimmo fortissimo con Malesani ma retrocedemmo all'ultima giornata. C'erano tanti giocatori importanti: Mutu, Camoranesi e Oddo ma tutti giovani e alla prima esperienza in A. Peccato solo per l’epilogo amarissimo di quella annata".

BOLOGNA - "Sono stato benissimo, lì è nata la mia terza figlia Giulia. Sarei rimasto volentieri dopo la grande annata, ma non c'è stata la possibilità. Conservo un ottimo ricordo di quella esperienza: un anno splendido con Pioli e caratterizzato da 13 gol”.

EMPOLI - “Un matrimonio mai decollato e finito subito. Le colpe non erano di nessuno, succede e basta”.

PESCARA - “Scelsi di andare in Abruzzo per la presenza di Massimo Oddo, ma purtroppo mi feci male subito e non riuscii a dare un contributo importante. Poi ho lavorato con Zeman: i suoi allenamenti erano durissimi, glielo dico sempre ogni volta che lo vedo”. 

GIOVANI - “Un consiglio? I ragazzini devono giocare divertendosi fino ai 15/16 anni. Non bisogna pensare a tatticismi, ma alla tecnica e a giocare divertendosi”. 

GOL PIÙ SPETTACOLARE- “In Fiorentina-Genoa. Una palla che rimbalzava in area di rigore, l’ho controllata di testa e in mezzo a tre difensori mi sono girato calciando al volo di sinistro che non era il mio piede”.

GUANGZHOU- “Espeirenza rapida ma intensa. Forse, col senno del poi, avrei fatto qualche mese o un anno in più. Andai lì per la presenza di Lippi”.

JUVENTUS- “L’ho sfiorata almeno tre volte. Ero stato vicino dopo Parma e quando lasciai Firenze. Nel 2013 l’ultimo giorno saltò il giro che prevedeva me alla Juve, Quagliarella alla Lazio e Borriello al Genoa”.

NAPOLI - “Quando c’era Higuain ci fu una possibilità per il mio passaggio in azzurro come vice del Pipita, ma poi non se ne è fatto nulla”.

PALERMO - “La prima e unica esperienza al Sud: una avventura indimenticabile. Un rapporto speciale con la piazza e la tifoseria. Quell’anno Zamparini cambiò 8-9 allenatori e ci salvammo all’ultimo respiro battendo in casa il Verona anche grazie a un mio gol. Fu decisivo il gruppo di italiani: Sorrentino, Maresca, Vitiello ecc. Sono stato benissimo a Palermo”.

DIAMANTI - “Giocatore talentuosissimo. Quando stava in giornata faceva quello che voleva”.

RECORD - “Uno ai quali sono più legato è stato bello di essere stato il primo italiano e ad aver superato i 100 gol in A avendo meno di 27 anni”.

SPEZIA - “Ricordo ancora la doppietta di Cittadella. Il secondo gol fu un gol alla Van Basten. È stata una bella esperienza, dopodiché ho deciso di smettere. Volevo decidere io quando fermarmi e non che fossero gli altri a farlo”.

CHI TI PIACEREBBE ALLENARE? “Sensi e Barella, due grandi talenti destinati a diventare fortissimi”.

TALENTI PERDUTI - “Adriano e Pato. L’Adriano di Parma era devastante: un animale da campo, aveva dieci chili in meno e faceva la differenza. Pato aveva una qualità nei gesti tecnici abbinati a una velocità incredibile. Avrebbero potuto fare molto di più. Un altro fenomeno era Mimmo Morfeo: per la classe pura avrebbe dovuto giocare 10 anni in squadre da scudetto”.  

INIZI - “Da Piacenza con Bernazzani e Cerri ho sempre fatto l’attaccante. Prima facevo anche il centrocampista offensivo”.

AMICIZIA - “Conoscenti a migliaia, amici pochi nel mondo del calcio. Ho girato tanto e girato moltissimi spogliatoi. Spero che tutti abbiano un bel ricordo umano di me, al di lá dell’amicizia. Io sono un po’ orso, ma mi sforzo tanto per cercare di aprirmi”.

CARIDI - “L’ho avuto l’anno scorso come giocatore a Rezzato e ho scelto di portarmelo dietro come vice a Vercelli. Abbiamo grande voglia e passione. In tutte le nuove avventure ci sono anche momenti duri in cui bisogna soffrire, ma gli abbiamo superati”.

GENOA - “Prima esperienza complicata: la squadra era nelle zone calde e ci fu l’episodio delle maglie restituite in Genoa-Siena. La seconda avventura fu molto bella ed esaltante con 15 gol segnati”. 

GASP - “Avevo 31 anni ma mi ha insegnato tanto sotto il punto di vista tattico e dell’intensità”.

DELUSIONE- “Fu un grande dispiacere la scelta di non andare al Mondiale 2014 dopo i 15 gol segnati. Prandelli preferì fare altre scelte, sicuramente un po’ di delusione ci fu da parte mia”.

ALTRI SPORT - “Mi piace il tennis e amo molto sciare. Da piccolo andavo sempre in montagna: ero un discreto sciatore, anche se negli ultimi anni non ho potuto farlo”.

TEMPO LIBERO - “Ogni tanto bisogna staccare la spina. In questi giorni mi sono guardato la Casa di Carta su Netflix e sto leggendo alcuni libri”.

CHIOCCIA - “Ho un bellissimo ricordo di Andrea Tagliaferri, che purtroppo non c’è più a causa di un incidente stradale. Aveva 3-4 anni più di me e mi aiutò tantissimo. Alla fine di ogni allenamento invece Statuto si fermava 30-40 minuti con me a farmi calciare in porta. Poi Buso e Stroppa mi diedero una grandissima mano. Ti faccio sorridere: a tavola mi mettevano sempre con Pietro Vierchowod, che aveva 40 anni ed era un esempio di professionalità in campo e anche a tavola dove mangiava sempre una sogliola il giorno prima delle partite”. 

SIMONI - “Un galantuomo. Mi ha lanciato e ha fatto debuttare in Serie A a 17 anni. Gli sarò sempre riconoscente così come al suo vice di quell’anno Maurizio Braghin”.

MALESANI - “Era molto diretto con i giocatori, aveva un rapporto viscerale con i giocatori. Purtroppo la retrocessione di Verona ha segnato negativamente la sua carriera, cambiandone il destino”.

GIOVANILI PRO - “La società dà molto risalto e valore al settore giovanile. Poletto e Varini hanno fatto un grandissimo lavoro, non a caso tanti ragazzi stanno giocando e hanno esordito in prima squadra”. 

TATUAGGI - “Fino a 30 anni ne avevo zero. Poi ho conosciuto Alino Diamanti a Bologna ed è stata la mia rovina. Mi sono tatuato sull’avambraccio una Peppa Pig per le mie figlie che guardavano sempre il cartone”.

PAPÀ - “In questo periodo di reclusione forzata ne sto approfittando per godermi nella quotidianità le mie tre figlie”. 

TOP 11 EX COMPAGNI - “Come modulo scelgo il 4-3-3. In porta Seba Frey e come dodicesimo Stefano Sorrentino. Daniele Bonera a destra, centrali Nesta e Dainelli, a sinistra Luca Antonelli. Play metto Pirlo con mezzali Enzo Maresca e Marek Jankulovski. La sto facendo anche un po’ di cuore scegliendo tanti amici. Davanti l’Adriano di Parma centravanti con Adrian Mutu a sinistra e Alino Diamanti a destra. In panchina mi porto Barone, Seedorf, Gattuso, Vazquez, Jovetic. A pensarci potrei farti 10 squadre. Con una squadra così arriviamo sicuramente almeno in Europa...”.


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Primo piano
 

Primo piano

Binda: "Serie B a 40 squadre? Impraticabile. Vi spiego perchè..." "La Serie B a 40 al momento è impraticabile: economicamente i club ricevono circa 6 milioni ciascuno dai diritti TV e questa cifra si dimezzerebbe. Prendere i soldi dalla C? Non è proprio così perché i soldi dell’attuale Lega Pro dovrebbero sostenere...
CANALI TUTTOB
CANALI TUTTOB
L'altra metà di Del Piero completa la Top 11 storica della Serie B E’ Alessandro Del Piero l’ultimo tassello della formazione storica della Serie B scelta dai tifosi che hanno votato sul...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita è...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Pordenone, Di Gregorio: "Fiduciosi di riprendere il campionato. Qui ambiente ideale per un giovane" Il portiere del Pordenone, ma di proprietà dell'Inter,  Michele Di Gregorio, ha parlato in esclusiva ai microfoni...
L'altra metà di Aic, Calcagno: "Ci sarà un mercato più lungo a campionato in corso" «Il mercato? Ripartirà con la nuova stagione. Purtroppo ci sarà un periodo molto più lungo di mercato aperto...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 30 maggio 2020

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi sabato 30 maggio 2020.

 
Benevento 69
 
Crotone 49
 
Frosinone 47
 
Pordenone 45
 
Spezia 44
 
Cittadella 43
 
Salernitana 42
 
Chievo Verona 41
 
Empoli 40
 
Virtus Entella 38
 
Pisa 36
 
Perugia 36
 
Juve Stabia 36
 
Pescara 35
 
Ascoli (-1) 32
 
Venezia 32
 
Cremonese (-1) 30
 
Trapani 25
 
Cosenza 24
 
Livorno 18

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy