Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

QS - Pisa, il nuovo Aquilani 2.0

QS - Pisa, il nuovo Aquilani 2.0TuttoB.com
Aquilani
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 15 febbraio 2024, 08:55Pisa
di Marco Lombardi

"Il nuovo Aquilani 2.0", titola il Quotidiano Sportivo. 

Il suo Pisa ha cambiato e adesso è una squadra più concreta.

Aquilani come Machiavelli, per mantenere il gruppo squadra e sapersi adattare a seconda dei tempi. Come il filosofo e scrittore a cavallo tra ‘400 e ‘500 che, nel suo trattato, declinava le caratteristiche del "Principe" ideale, delineandone le caratteristiche fondamentali per conquistare e mantenere uno Stato, arrivando alla teoria dell’adattamento alle circostanze, così l’allenatore nerazzurro sta mantenendo lo spogliatoio, facendo esperienza e iniziando ad adattarsi ai propri giocatori.

Se il primo anno del progetto biennale voluto dalla società nerazzurra è anche una palestra per il neo-tecnico nominato a luglio, oggi si può dire che il ‘fondamentalismo’ di inizio stagione inizia a venir meno e i giocatori stanno iniziando a dare e a ricevere le risposte che il tecnico voleva con una evoluzione del suo credo tattico. Una precisa identità tattica, certo, ma con una rinnovata abilità nella lettura della partita. A dimostrarlo sono tanti numeri incrociati emersi nelle ultime settimane. Si comincia dallo schema tattico. Non più il classico 4-2-3-1 con il quale l’allenatore aveva insistito per tutta la prima parte di stagione, ma anche alcune varianti. Per esempio, con la Sampdoria il tecnico ha iniziato con la difesa a 3, osando di più nella ripresa, quando il Pisa ha giocato in superiorità numerica. Con il Lecco Aquilani aveva giocato con uno scolastico 4-4-2, così come con la Reggiana, iniziando anche a far intravedere scampoli di un tandem offensivo grazie all’arrivo di Bonfanti e al rientro di Torregrossa, poi riproposto anche con lo Spezia con Torregrossa e Mlakar in attacco, sostituiti nella ripresa da Masucci e Bonfanti.

Ciò ha prodotto un aumento di tiri aumentando anche il dato azioni da gol che hanno portato al tiro dai 2,08 a partita di metà dicembre, fino a portare il dato a una media di 4 nelle ultime settimane [...].