Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

La Nazione: "Pisa, troppi cambi. Punti fermi per vincere"

La Nazione: "Pisa, troppi cambi. Punti fermi per vincere"TuttoB.com
Piovanelli
giovedì 16 marzo 2023, 12:07Pisa
di Marco Lombardi

"Pisa, troppi cambi. Punti fermi per vincere", titola La Nazione. 

L’ex super campione Lamberto Piovanelli a 9 giornate dal termine analizza la squadra. "Caracciolo finché non è sfinito ora deve giocare".

A 9 giornate dal termine il Pisa sta facendo i conti con le sue criticità per essere competitivo in vista della possibile partecipazione ai playoff. Ad analizzare la situazione è l’ex calciatore nerazzurro Lamberto Piovanelli, leggenda dell’epoca d’oro di Anconetani tra Serie A e Serie B.

Piovanelli, cosa deve fare il Pisa per essere il più possibile competitivo?

"Cercherei una ossatura di base nella formazione titolare. Ci sono troppi cambi tra una gara e l’altra, manca continuità. Per arrivare a ottenere qualcosa di importante tutte le squadre hanno una ossatura, un undici di base, dei punti fermi. Il Pisa secondo me non ce li ha. Giornata dopo giornata può giocare chiunque e al posto di chiunque".

Non è paradossalmente un punto forte?

"No, perché il campionato di Serie B è lungo e difficile, è stancante, ma è fatto di sole partite. Non ci sono le coppe europee, la Coppa Italia per una squadra di cadetteria finisce generalmente a settembre o anche prima, salvo casi rari. Ai miei tempi c’erano giocatori che hanno fatto 7 o 8 campionati senza mai saltare una partita".

Lei quindi cosa farebbe? Quali sono i suoi punti fermi?

"Caracciolo finché non è sfinito ora deve giocare, non lo sostituirei mai e così Nagy o Marin, o Morutan. I titolari devono essere titolari, non ci può essere una squadra di 22 titolari..." [...].