Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

Tuttosport - Palermo, un lunedì da incubo e un martedì caotico. Il retroscena sulla retromarcia di Grosso

Tuttosport - Palermo, un lunedì da incubo e un martedì caotico. Il retroscena sulla retromarcia di GrossoTuttoB.com
Grosso
© foto di Insidefoto/Image Sport
mercoledì 3 aprile 2024, 10:01Palermo
di Marco Lombardi

"Palermo, un lunedì da incubo e un martedì caotico. Il retroscena sulla retromarcia di Grosso", titola Tuttosport. 

Un lunedì da incubo e un martedì caotico. La sconfitta choc in casa del Pisa potrebbe costare la panchina a Eugenio Corini e di fatto consegnerebbe al calcio italiano il primo esonero del City Group. Nessuna ufficialità fino a ieri sera, ma è certo che qualcosa bolle in pentola.

Corini ieri mattina ha diretto l’allenamento nel nuovo centro sportivo di Torretta, ma oggi non dovrebbe più indossare i panni con i colori rosanero. Il condizionale è d’obbligo, però, perché fi no a ieri sera non c’è stato nessun comunicato ufficiale e, se non dovesse arrivare nemmeno in mattinata, Corini tornerà di nuovo in campo in un clima che sarebbe surreale.

Di sicuro c’è che la riflessione sulla panchina del Palermo si era aperta già nella mattinata di ieri, con un paio di nomi sul taccuino dei plenipotenziari di Manchester. Dopo un primo approccio andato a vuoto con Rino Gattuso, la scelta è andata su Fabio Grosso, che era anche il tecnico in pole per la prossima stagione. Si pensava che già nel pomeriggio potesse arrivare la fumata bianca, invece a Manchester – come già accaduto quando venne scelto Corini due estati fa – se la sono presi con calma, anche perché nel frattempo c’era da risolvere pure il contratto che legava Grosso al Lione.

Dopo aver incassato il “sì” dell’ex terzino sinistro rosanero e della Nazionale, le parti si sono messe al lavoro per trovare un’intesa sulla durata del contratto e dell’ingaggio.  L’ex tecnico del Frosinone in un primo momento sembrava convinto di prendere il Palermo in corsa, dopo invece avrebbe fatto un passo indietro, invitando i dirigenti rosanero a rivedersi a giugno. Gioco delle parti per ottenere qualcosa in più o game over? Difficile stabilirlo, ma se Grosso dovesse continuare a tirare la corda la trattativa potrebbe tramontare definitivamente e lasciare il Palermo in balia dei venti