Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

Tuttosport - Corini, basta. Ora il Palermo va a Mignani

Tuttosport - Corini, basta. Ora il Palermo va a MignaniTuttoB.com
Corini
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
giovedì 4 aprile 2024, 11:35Palermo
di Marco Lombardi

"Corini, basta. Ora il Palermo va a Mignani", titola Tuttosport. 

Ieri la decisione dei vertici rosanero.

Alle 15.22 il comunicato del Palermo con l’esonero di Eugenio Corini, poco prima delle 17 quello con il nome del nuovo allenatore. Dopo un’ampia scrematura e qualche no imprevisto, il City Group ha scelto il nuovo allenatore del Palermo: la panchina va a Michele Mignani, che a inizio stagione aveva iniziato con il Bari, club da cui è stato esonerato dopo nove partite.

Per Corini è la fine di una storia d’amore con una piazza che l’ha amato tanto da giocatore e molto meno da allenatore, per Mignani la possibilità di riprovarci dopo la beffa di un anno fa quando con il Bari perse la Serie A all’ultimo tiro (gol di Pavoletti al 94′ nella finale di ritorno play-off ).

La scelta del Palermo, comunque, non è stata semplice, anzi si è rivelata più complicata del previsto. Come dimostra anche il contratto che avrebbe strappato il nuovo tecnico: il Palermo non ha volutamente comunicato la durata dell’accordo, ma Mignani era legato al Bari fi no al 2025.

E, siccome ha rescisso con il club pugliese, è ovvio che abbia firmato un contratto almeno con la stessa scadenza. Dunque, Mignani non sarebbe un semplice traghettatore, ma anche l’allenatore del prossimo anno, a prescindere da come finisca questo campionato. Oggi Mignani sarà a Torretta per dirigere il primo allenamento, sabato il debutto in casa contro la Sampdoria, in una partita che vale doppio in chiave play-off . A Torretta ieri mattina s’è visto anche Corini. L’ormai ex tecnico rosanero è arrivato prima di pranzo, ha salutato lo staff e i giocatori, poi dopo una ventina di minuti ha lasciato il centro sportivo per l’ultima volta.