Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / palermo / Serie B
Palermo, Corini: "In svantaggio rispetto alla Cremonese. Ma può ancora succedere di tutto"TuttoB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 23 febbraio 2024, 11:34Serie B
di Tommaso Maschio
per Tuttomercatoweb.com

Palermo, Corini: "In svantaggio rispetto alla Cremonese. Ma può ancora succedere di tutto"

Il tecnico del Palermo Eugenio Corini ha parlato alla viglia dello scontro d’alta classifica contro la Cremonese di domani pomeriggio facendo il punto sulla corsa promozione: “Ancora può succedere di tutto, ma non voglio negare l’importanza della partita. Siamo in una posizione di svantaggio rispetto ai grigiorossi, ma il campionato vive di momento e fino all’ultimo secondo ci sarà da lottare. Dobbiamo pensare a consolidare il nostro percorso facendo una grande gara. - La nostra ambizione è che il Palermo possa tornare in Serie A, ce la metteremo tutta”.

Spazio poi al percorso compiuto finora: “Con 36 punti a disposizione il campionato è ancora lungo e noi dobbiamo recuperare qualcosa nei loro confronti senza contare che ci sono anche altre squadre in corsa. Sarà una sfida fra due squadre con identità, ma abbiamo le caratteristiche per dar fastidio alla Cremonese. Sarà fondamentale l’equilibrio mentale perché loro hanno giocatori che possono spaccare la gara come Falletti e Vazquez, ma noi abbiamo dimostrato di essere al loro livello”.

In conclusione Corini si sofferma sulle scelte e la situazione nel gruppo rosanero: “Fino all’ultimo mi porto sempre quattro o cinque dubbi perché tutti i ragazzi si allenano al massimo e mi mettono in difficoltà, fortunatamente. Sto cercando di costruire una mentalità comune in cui l’interesse prioritario vada alla squadra. - prosegue il mister – I giocatori, anche quelli importanti che giocano meno come Henderson, Stulac o Coulibaly, sanno che devono rispettare le mie scelte. Il caso di Leo (Stulac NdR) a Piacenza è un esempio lampante. Non doveva giocare, ma si è fatto trovare pronto. Dico sempre a loro che bisogna donare qualcosa di proprio alla squadra per avere poi il risultato auspicato”.