Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B baribresciacarraresecatanzarocesenacittadellacosenzacremonesefrosinonejuve stabiamantovamodenapalermopisareggianasalernitanasampdoriasassuolospeziasudtirol

Cosenza, il dg Ursino: "Tutino? Bravo il presidente, il riscatto la cosa più logica. Prenderemo un allenatore giovane. La prossima B sarà difficilissima: sono scese corazzate, poi ci sono Cremonese e Palermo"

Cosenza, il dg Ursino: "Tutino? Bravo il presidente, il riscatto la cosa più logica. Prenderemo un allenatore giovane. La prossima B sarà difficilissima: sono scese corazzate, poi ci sono Cremonese e Palermo"TuttoB.com
Ursino
domenica 16 giugno 2024, 10:37Cosenza
di Marco Lombardi

Il direttore generale del CosenzaGiuseppe Ursino, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Sportiva per commentare il futuro del club. Di seguito le sue dichiarazioni: «Per Tutino è stato bravo il presidente, ha nascosto tutto e poi ha deciso, telefonandomi per comunicarmi le sue intenzioni. È la cosa più logica riscattarlo, dopo 20 gol e quel campionato. Poi cosa succederà non lo so. Adesso è nostro, per noi è un grande orgoglio, è un giocatore importante. È stata una grandissima intuizione del presidente che lo ha voluto a tutti i costi. Ha fatto un grande sacrificio e vuole costruire un’ottima squadra per l’anno prossimo.

Quanto al prossimo tecnico, deve essere un giovane e con Gennaro stiamo sondando degli allenatori bravi, vediamo di chiudere per lunedì o martedì. Una base sicuramente c’è. Adesso bisogna trovare l’allenatore, in base a lui decideremo per i calciatori da prendere. Poi per quello non c’è nessun problema, il nostro direttore sportivo ha già visionato tanti giocatori e io ho le mie idee che combaciano con le sue. Prossima stagione? Sarà ancora più difficile dell’ultima. Sono retrocesse dalla A squadre importanti, saranno delle corazzate. Poi ci sono Cremonese, Palermo, che ci riproveranno. Sarà molto equilibrato. Per questo dobbiamo lavorare per prendere giocatori giovani ma importanti, costruendo con logica in base al tecnico che arriverà»