Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

GdS - Il Catanzaro contro l'Ascoli è pronto a riaprire le ali, la vittoria manca da 3 gare

GdS - Il Catanzaro contro l'Ascoli è pronto a riaprire le ali, la vittoria manca da 3 gareTuttoB.com
Vivarini
sabato 10 febbraio 2024, 11:30Catanzaro
di Marco Lombardi

"Il Catanzaro contro l'Ascoli è pronto a riaprire le ali, la vittoria manca da 3 gare", titola la Gazzetta del Sud

I giallorossi possono riscattare la sconfitta dell’andata e blindare... la salvezza. Vivarini senza filtri: «Al “Del Duca” bianconeri scorretti». Antonini, Stoppa e Petriccione dal 1’.

Dopo nemmeno due mesi si affrontano di nuovo due concezioni opposte di produrre ed esprimere calcio. Lo scontro fra mondi diversi andato in scena ad Ascoli è destinato a ripetersi oggi in Calabria. Sperando che finisca al contrario, perché una salvezza in anticipo non si ottiene «con i se» e il Catanzaro vuole chiudere la pratica prima possibile. «Dobbiamo fare assolutamente risultato, con le buone o con le cattive, altrimenti sarebbe un problema», ha sottolineato Vivarini.

Ci sono comunque vari modi di usare «le cattive» e di sicuro i giallorossi non le intendono come l’avversario di turno. Le durezze della gara al “Del Duca” non sono state dimenticate. Anzi, sono servite al tecnico delle Aquile a ribadire cosa aspettarsi e chiedere maggiori tutele: «L’Ascoli è stato molto scorretto all’andata, ha interrotto sempre il gioco, è abituato così e ne abbiamo preso atto perché gli è stato concesso. Spero stavolta non accada, bisogna giocare a calcio e va tutelato chi gioca. Agonismo e cattiveria sì, ma noi rimaniamo sempre corretti pur sapendo di doverci fare valere in una gara complicata».

La diplomazia a farsi benedire, ogni tanto è giusto così, specie se a La Spezia il gol dei liguri era viziato da un fallo su Veroli: «L’abbraccio era talmente evidente che doveva essere gestito in modo diverso, ma io credo sempre nella buona fede e come sbagliamo noi, sbagliano tutti», ha detto ancora il 58enne tecnico abruzzese.

Quanto a disponibilità, il Catanzaro sta molto meglio dell’Ascoli. Ai giallorossi mancano l’infortunato Ghion e lo squalificato Vandeputte, mentre i bianconeri di Castori devono fare a meno di parecchi giocatori, mezzo attacco compreso il bomber Mendes. «Le tante assenze fra gli avversari? Problemi loro, mi sarebbe piaciuto ci fossero tutti. Quanto a noi, non è importante chi scende in campo titolare, dobbiamo avere la capacità di dare fiducia e spazio anche a chi ne ha avuto meno», ha avvisato Vivarini citando uno dopo l’altro Ambrosino, Oliveri, Brignola, D’Andrea, Krajnc [...].