Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B baribresciacarraresecatanzarocesenacittadellacosenzacremonesefrosinonejuve stabiamantovamodenapalermopisareggianasalernitanasampdoriasassuolospeziasudtirol

QS - Sassuolo, non è tempo di riscatti. Da Castillejo a Cragno, i quattro ’no’

QS - Sassuolo, non è tempo di riscatti. Da Castillejo a Cragno, i quattro ’no’TuttoB.com
Viti
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 13 giugno 2024, 09:37Sassuolo
di Marco Lombardi

"Sassuolo, non è tempo di riscatti. Da Castillejo a Cragno, i quattro ’no’", titola il Quotidiano Sportivo. 

Lo spagnolo ai saluti nonostante per confermarlo in neroverde basterebbero soltanto mille euro. Improbabile possano essere corrisposti gli otto milioni per Viti. Anche Pedersen in partenza: ha deluso.

Riscatti? Non scherziamo... Oggi l’unico riscatto cui pensano i vertici societari è quello da affidare, entro la prima decade di luglio (raduno il primo weekend del mese, poi ritiro a Ronzone) alla squadra che verrà affidata a Fabio Grosso. Di altri riscatti, visto quello che hanno dato i giocatori che il Sassuolo aveva preso, questa estate, in ‘prestito con diritto’, non se ne parla.

E non solo per questione di soldi, ma soprattutto perché i ‘quattro moschettieri’ sui quali, entro domani, i vertici societari potrebbero esercitare il diritto non sono, per dirla in gergo aziendale, ‘funzionali al progetto’. Non lo sarebbe, anche se per riscattarlo basterebbero 1000 euro (avete letto bene, 1000) Samu Castillejo, che ha lasciato solo flebili tracce dentro una stagione che lo ha visto in campo 17 volte, ok, ma per soli 530’, gli ultimi dei quali a Udine lo scorso primo aprile [...].

E se non vale mille euro il riscatto di Castillejo, figuriamoci se poteva valere 8 milioni Mattia Viti: tanti ne aveva pattuiti il Nizza cedendo al Sassuolo il difensore scuole Empoli e il risultato è che Viti torna al mittente, con tanti saluti e pochissimi rimpianti legati ad una stagione non meno ‘storta’ di quella in cui è incappato il Sassuolo: 15 presenze, per lui – 12 da 1’ – e anche un gol fatto, ma compartecipazioni diffuse alle imbarcate prese dalla difesa neroverde che ha chiuso la stagione con 75 reti al passivo. Niente riscatto, quindi, nemmeno per lui, e nemmeno per Marcus Pedersen, laterale destro, ma anche sinistro all’occorrenza, classe 2000 [...].

Finita qui? No: il Sassuolo poteva anche riscattare il portiere Alessio Cragno, 5 milioni ed era fatta. Cragno, tuttavia, ha giocato pochino e il Sassuolo di oggi, che ‘in pancia’ ha, oltre a Consigli e Pegolo (in scadenza) anche Turati, Satalino, Russo, Zacchi, e l’emergente Theiner, lo restituisce al Monza.