Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

QS - Pisa, guarda cosa ti aspetta

QS - Pisa, guarda cosa ti aspettaTuttoB.com
Aquilani
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 2 marzo 2024, 10:17Pisa
di Marco Lombardi

"Pisa, guarda cosa ti aspetta", titola il Quotidiano Sportivo. 

Undici gare con tre scontri diretti per la salvezza.

La strada da percorrere è irta di difficoltà. Undici partite al termine del campionato, solo tre gli scontri diretti di altissima pericolosità, inframezzati da una serie di partite ancora più difficili contro squadre di alta quota. Con il Cittadella, che arriva da ben 7 sconfitte consecutive, la prima prova, forse l’ultima occasione per Aquilani. Se infatti la società nerazzurra dovesse decidere di cambiare, potrebbe essere proprio dopo la sfida con i granata. Il calendario infatti a quel punto offrirebbe, una settimana dopo, lo scontro diretto contro la Ternana (9 marzo), dietro in classifica di soli 2 punti e in zona playout, ma soprattutto la sosta di due settimane per le nazionali che arriverà dopo una partita ancora più difficile con il Como, il 16 marzo.

L’ultima volta che la società decise di cambiare in corso, tra Maran e D’Angelo, fu proprio in concomitanza con una sosta. Il calendario si complicherà ulteriormente perché il primo giorno di aprile all’Arena ci sarà il Palermo, sperando che i problemi dell’Arena Garibaldi siano risolti e la Curva Nord possa tornare sugli spalti con l’ampliamento della capienza. Occhio anche al Brescia (6 aprile), prima di un altro scontro diretto per la salvezza contro la Feralpisalò (13 aprile). Si entrerà a quel punto nelle ultime 5 giornate di campionato.

Prima il Bari in trasferta (20 aprile), poi altri due scontri di alta quota, in data da definire, contro Catanzaro e Cremonese. Infine Sudtirol e Ascoli, ultimi scontri diretti per la salvezza. Oggi tutt’altro che scontata [...].