VERSIONE MOBILE
  HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
Da TuttoB.com le ultimissime notizie sul campionato cadetto
SONDAGGIO
VICENZA: GIUSTO ESONERARE BISOLI?
  SI
  NO

TMW Mob
LE INTERVISTE DI TB

ESCLUSIVA TB - Marchetti (dg Cittadella): "Il nostro segreto? Competenza, serietà e senso di appartenenza. Prioritaria la salvezza, poi potremo cullare un sogno"

04.11.2016 17.45 di Marco Lombardi   articolo letto 151 volte
Marchetti

Segreti ed obiettivi del Cittadella rivelazione del campionato, la lotta al vertice della classifica, ma anche una breve digressione in merito ad un illustre ex granata: di tutto questo abbiamo disquisito con Stefano Marchetti, direttore generale del Cittadella, raggiunto in esclusiva da TB.

 

Direttore, qual è il segreto di questo Cittadella, rivelazione del campionato?

"Direi un insieme di cose: innanzitutto, un gruppo affiatato e coeso, composto da ragazzi di qualità, ma anche una società che negli anni ha sempre lavorato bene, con oculatezza e lungimiranza, cercando di raggiungere gli obiettivi prefissati attraverso il rispetto del budget. Senza mai compiere il passo più lungo della gamba... E i risultati ottenuti ci stanno dando ragione e ci soddisfano pienamente. Il merito va equamente diviso fra i ragazzi, lo staff tecnico e la società. Spesso competenza e serietà valgono tanto quanto un budget sostanzioso. Segreto? Avere coerenza, cercare di prelevare giocatori motivati, che siano uomini ancor prima che atleti. E poi, cementare il gruppo attraverso la ricerca di una forte empatia fra giocatori, allenatore e società. Quella del Cittadella è una grande famiglia: indossare la maglia granata significa orgoglio e senso di appartenenza. Chi viene da noi trova professionalità e umanità: un mix di cose che consentono ai giocatori di inserirsi nell'ambiente ideale per esprimersi al meglio".

 

La scelta di non snaturare un organico collaudato sta pagando...

"Mantenere l'intelaiatura della squadra che ha vinto il campionato di Lega Pro, sebbene arricchita dall'inserimento di diversi giocatori, certamente ci ha avvantaggiato nel portare avanti una precisa filosofia di gioco, contestualmente agevolando l'assimilazione dei concetti che fanno parte del credo calcistico di mister Venturato".

 

Lavorare in un ambiente tranquillo, "ovattato", al riparo da pressioni e condizionamenti può essere un valore aggiunto?

"A volte sì, altre no: dipende dalle circostanze... Nei momenti di difficoltà può essere un vantaggio, perchè permette di ricompattarsi con maggiore facilità... Cittadella però è una piazza esigente, abituata alla serie B, quindi anche qui, seppur in misura ridotta rispetto ad altre piazze, ci sono pressioni...".

 

Finora la squadra ha ottenuto più punti lontano dalle mura amiche... Come spiega questo dato?

"Molte squadre quando ci affrontano si chiudono ermeticamente... Quindi, in casa fatichiamo a trovare spazi e dobbiamo essere bravi a inventare la giocata, il guizzo vincente, per scardinare le difese avversarie...".

 

Alla luce del sensazionale avvio di stagione, l'obiettivo resta la salvezza oppure proverete ad alzare l'asticella?

"Noi dobbiamo rimanere coi piedi per terra... Raggiungere la salvezza il prima possibile resta la priorità. Poi, se ci riusciremo in tempi relativamente brevi, potremo ragionare in altri termini... Non dobbiamo mai dimenticare che il campionato è ancora lungo, estenuante, imprevedibile...  E non possiamo permetterci ragionamenti svincolati da questo obiettivo. Solo una volta ottenuta la salvezza, potremo ambire a traguardi più alti. L'appetito vien mangiando...".  

 

Condivide l'opinione di chi sostiene che il Cittadella pratichi un calcio semplice e minimalista, ma estremamente efficace e redditizio?

"Stiamo facendo un calcio di alto livello: questo ci è riconosciuto da tanti tecnici ed addetti ai lavori. Cerchiamo di imporre il nostro gioco sempre e comunque, senza speculare sull'avversario. La filosofia è improntata allo sviluppo di un'efficace manovra offensiva, a prescindere dall'avversario. Il nostro è un calcio votato all'attacco".

 

Cruyff diceva che il senso del calcio è che vinca il migliore in campo, indipendentemente dalla storia, dal prestigio e dal budget... Immagino sarà d'accordo...

"Capisco che il sistema abbia bisogno di grandi piazze e palcoscenici importanti, ma oggi siamo giunti ad un punto in cui è imprescindibile il rispetto degli impegni economici, la continuità del lavoro... Occorre essere società virtuose, piuttosto che guardare ad un blasone magari datato... Se non si posseggono i "numeri" per essere competitivi e per onorare gli impegni assunti, il prestigio ed il bacino d'utenza contano ben poco...".

 

Quali le favorite per la promozione?

"Hellas Verona a parte, vedo un grande equilibrio... La differenza la farà la continuità di risultati. Chiaramente, Carpi e Frosinone possono vantare un parco giocatori forte e di grande qualità... Poi, come ogni anno, ci sarà una sorpresa: il mio sogno è che possa essere il Cittadella...".

 

Direttore, se la sente di spendere due parole a proposito di Manolo Gabbiadini, giocatore che lei portò a Cittadella e che, attualmente, sta incontrando diverse difficoltà a calarsi nel modulo tattico di Sarri?

"Manolo era un predestinato... A Cittadella mi impressionò non solo per le indubbie qualità tecniche e fisiche, ma anche per una mentalità da veterano... E' ovvio che dev'essere utilizzato in un certo modo: non è una prima punta classica, bensì predilige attaccare gli spazi... Se riuscirà a ritrovare la via del gol, potrà fare benissimo anche a Napoli. Se lo merita...".

 

 

 

 


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie LE INTERVISTE DI TB
Altre notizie
      
CANALI TUTTOB
L'altra metà di Serie B, 37a giornata: la TOP 11 di TB Arrembante e cinico, il Cittadella surclassa un Carpi irriconoscibile, sale al quarto posto in classifica e lancia un segnale forte...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Beppe Sannino: ''La Spal merita la A. L'Hellas soffre ma può fare il salto. Sulle note meno liete...'' Il campionato si prepara a emettere i suoi primi verdetti, una visione completa del momento complessivo del torneo con Beppe...
L'altra metà di Serie B, ufficiale la prima retrocessione dalla A: torna tra i cadetti il Pescara Dopo solo una stagione nella massima serie, il Pescara torna matematicamente nella serie cadetta. E' costata...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 26 aprile 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 26 aprile 2017.

 
Spal 73
 
Hellas Verona 66
 
Frosinone 65
 
Perugia 57
 
Cittadella 57
 
Benevento 55*
 
Carpi 54
 
Spezia 54
 
Bari 51
 
Virtus Entella 51
 
Salernitana 51
 
Novara 50
 
Pro Vercelli 47
 
Cesena 46
 
Avellino 45*
 
Ascoli Picchio 44
 
Brescia 42
 
Trapani 41
 
Vicenza 41
 
Ternana 39
 
Latina 34*
 
Pisa 33*
Penalizzazioni
 
Avellino -3
 
Benevento -1
 
Latina -2
 
Pisa -4

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.