Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B baribresciacarraresecatanzarocesenacittadellacosenzacremonesefrosinonejuve stabiamantovamodenapalermopisareggianasalernitanasampdoriasassuolospeziasudtirol

GdS - Catanzaro, Aquilani... vola sempre alto. Due le alternative

GdS - Catanzaro, Aquilani... vola sempre alto. Due le alternativeTuttoB.com
Aquilani
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 14 giugno 2024, 09:07Catanzaro
di Marco Lombardi

"Catanzaro, Aquilani... vola sempre alto", titola la Gazzetta del Sud. 

I dirigenti giallorossi continuano a guardare a lui, le alternative sono Bucchi e Longo.

In attesa di risolvere la questione Vivarini (e Magalini), il Catanzaro continua a disegnare il suo futuro con un nuovo allenatore. La ricerca del tecnico è la questione prioritaria, non perché il direttore sportivo sia meno importante, ma perché il prossimo inquilino della panchina rientra nel balletto che si sta consumando in questi giorni: il club non può dunque permettersi di perdere altro tempo.

Alberto Aquilani è sempre la prima scelta in via Gioacchino da Fiore. Non la sola (le idee alternative sono Cristian Bucchi e Moreno Longo), ma la più quotata. Lo era quest’inverno, quando si ipotizzava che Vivarini potesse chiedere di andare via capitalizzando il lavoro degli ultimi due anni (ma mai e poi mai nel modo in cui l’ha fatto tre giorni fa). Lo è ridiventato non appena la rottura con il coach abruzzese si è consumata negli uffici del presidente Noto. Da Catanzaro sono partite telefonate interessate nei confronti del quarantenne, profilo che piace parecchio per almeno tre motivi: è giovane e ha voglia di emergere dopo la prima stagione fra i pro’ con il Pisa; sviluppa un calcio proattivo, incentrato sul possesso (non a caso la scorsa estate ha provato in tutti i modi a “rubare” Ghion), dunque potrebbe garantire una certa continuità tecnica con le ultime due stagioni; lavora volentieri con i giovani dopo un periodo di proficuo apprendistato nelle giovanili della Fiorentina, dall’Under 17 alla Primavera (con tre Coppe Italia e due Supercoppe in bacheca).

Insomma, è ritenuto l’identikit ideale per rilevare un’eredità, comunque pesante, quanto quella di Vivarini. Aquilani sarebbe visto di buon occhio anche nello spogliatoio se si considera che Iemmello – indiscusso leader del gruppo – è stato suo compagno di squadra a Sassuolo nel 2017: il bomber era alla prima esperienza in Serie A (con Di Francesco allenatore), l’ancora centrocampista romano affrontava la penultima tappa della carriera da calciatore.

L’altro collegamento fra Iemmello e Aquilani è il vice del tecnico, Cristian Agnelli, ex mezzala giallorossa (nel 2005), ma soprattutto capitano del centravanti catanzarese a Foggia, dal 2014 al 2016 e nel 2018-19 [...].