Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

AlbinoLeffe, Valoti: "Salvioni rischia? Lecchiamoci le ferite poi valuteremo"

AlbinoLeffe, Valoti: "Salvioni rischia? Lecchiamoci le ferite poi valuteremo"TuttoB.com
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
domenica 18 marzo 2012, 10:00AlbinoLeffe
di Federico Errante
fonte tuttoalbinoleffe

“La gara si era messa per il verso giusto, poi nel secondo tempo è prevalsa la paura”. E' un'analisi schietta quella di Aladino Valoti, direttore sportivo dell'AlbinoLeffe. “Dopo il rigore fallito da Cocco c'è stata confusione – ha proseguito il dirigente seriano -, stanchezza, errori sugli esterni, da cui sono scaturiti i gol el Sassuolo. Dispiace: una vittoria poteva essere la svolta”.

Si doveva chiudere prima la gara.

“Sì, si poteva fare il 3-1. Ripeto, è subentrata la paura e anche la stanchezza, il Sassuolo ci ha creduto fino in fondo. Non è la prima volta che commettiamo errori nella gestione della partita”.

Ora serve un filotto per sperare.“Dobbiamo provare a rialzarci, è stata una botta contro il muro. Dobbiamo preparare lo scontro diretto col Crotone. Il rammarico è tanto: oggi si potevano riaprire i giochi. Ma ci proveremo fino alla fine”.

Cosa ha detto Salvioni a fine partita?

“L'amarezza è grande, perché c'era la voglia di far bene. Siamo partiti col piglio giusto contro una delle squadre meglio attrezzate del torneo. Poi ci siamo abbassati troppo, sbagliando anche delle diagonali: errori che, magari, con le certezze che ti dà qualche punto in più in classifica, si possono evitare. Dobbiamo fare mea culpa”.

C'è qualcosa che non l'ha convinta nella gestione dei cambi?“Avevamo 2-3 giocatori con problemi, come Foglio e Cristiano, per questo sono state sostituzioni obbligate”.

Impossibile non porle questa domanda: Salvioni rischia?

“Dobbiamo leccarci le ferite, poi le valutazioni su questa sconfitta e le capacità di ripartire. Ma quando si sbaglia gli errori sono di tutti”.