Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

QS - La Reggiana non sfonda

QS - La Reggiana non sfondaTuttoB.com
Nesta
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 28 febbraio 2024, 09:47Reggiana
di Marco Lombardi

"I granata non sfondano", titola il Quotidiano Sportivo. 

Pur con tutta la buona volontà del mondo, questa volta è impossibile vedere il bicchiere mezzo pieno. Avanti di questo passo, i tifosi della Reggiana sperano di non doverlo riempire di lacrime, perché di fronte al 14° pareggio è l’ora di far suonare l’allarme. Anche perché la Ternana ha vinto a Palermo e ha fatto un balzo a 29 punti ed è quint’ultima in classifica. Ciò significa che la Reggiana è a soli tre punti dalla zona play-out.

Quello di ieri con il Sudtirol, in uno scontro diretto importantissimo, è forse il più amaro di tutti. I granata avevano infatti giocato un buonissimo primo tempo e un ottimo inizio di ripresa, con un gol (al 63’) arrivato al termine di un’azione ispirata sulla destra da Blanco e poi rifinita da Pieragnolo sul lato opposto. Un vantaggio meritato anche perché sul taccuino si contavano già un palo di Portanova (20’) e un paio di occasioni limpide (ancora Manolo al 25’ non sfrutta un bell’assist di Pettinari e sempre Pettinari al 53’ non la butta dentro dopo un’indecisione di Poluzzi). Bardi, che è uscito con una caviglia malconcia (out ad Ascoli?), è stato spettatore fino al momento del gol, un horror show firmato da Marcandalli che prima respinge sulla testa di Davi un innocuo cross di Cagnano e poi arriva in ritardo sul tiro ravvicinato di Odogwu, deviandolo in porta. È sempre spiacevole isolare la prestazione di un singolo, ma l’impressione è che ieri, senza l’ennesimo giro a vuoto dell’ex Pontedera, il Sudtirol non avrebbe mai fatto gol. Dopo il pari - tra un infortunio e un crampo di Tait e compagni - non si è praticamente più giocato. Risibili anche i 5’ di recupero, si doveva giocare almeno fino al 98’. Il recupero mancato, se non altro, è stato un sollievo per coloro che sedevano in tribuna stampa, che si sono dovuti sorbire per tutta la partita le parolacce e le bestemmie di Paolo Bravo, diesse del Sudtirol, verso i suoi giocatori. A fine gara fischi di frustrazione di una parte dello stadio che non vede la Reggiana vincere al ‘Giglio’ dal 26 dicembre.