HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TuttoB.com: notizie di Serie B
TMW Radio
SONDAGGIO
SUDTIROL: E' LA SQUADRA RIVELAZIONE DEL TORNEO?
  SI
  NO

Primo piano

CorSport: "L'AIA nella bufera. Procuratore arrestato. Gravina: «Sono sconcertato». Gli arbitri: «Noi parte lesa». Ma tanti punti oscuri”

13.11.2022 09:16 di Marco Lombardi  
Gravina
© foto di www.imagephotoagency.it
Gravina

“L’AIA nella bufera, Procuratore arrestato. Gravina: «Sono sconcertato». Gli arbitri: «Noi parte lesa». Ma tanti punti oscuri”, titola il Corriere dello Sport. 

«Sono sconcertato». Qualcosa più di un semplice commento da parte del presidente della Figc, Gabriele Gravina. La notizia dell’arresto per traffico internazionale di stupefacenti del procuratore dell’Aia, Rosario D’Onofrio, avvenuto giovedì, non è stata certo accolta bene a via Allegri. Che da tempo aveva messo l’Associazione Italiana Arbitri sotto la lente d’ingrandimento, ma che ora vuole vederci chiaro. E così Gravina ha «subito chiesto riscontro al presidente Trentalange sulle modalità di selezione del Procuratore, in quanto la sua nomina è di esclusiva pertinenza del comitato nazionale su proposta del presidente dell’Aia. Una cosa è certa, la Figc assumerà tutte le decisioni necessarie a tutela della reputazione del mondo del calcio e della stessa classe arbitrale». Ma non solo, in campo è scesa anche la Procura federale, che ha chiesto gli atti dell’inchiesta Madera, coordinata dai pm Rosario Ferracane e Sara Ombra della Direzione distrettuale antimafia e che ha portato all’emissione di 42 ordini di custodia cautelare (26 in carcere) per traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Al centro delle domande che si fanno in Figc, capire quale fosse lo “stato” di D’Onofrio all’epoca della nomina, uno dei primi atti della presidenza Trentalange, e perché – partendo da una presunzione di ignoranza – nessuno abbia fatto controlli per un ruolo che è estremamente delicato (effettuare le indagini sugli arbitri, organo di garanzia della Federcalcio).

Perché, secondo quanto emerge negli atti di chi ha indagato, Rosario D’Onofrio detto Rambo (o anche Rosco o Rox) sarebbe stato fermato e arrestato già nel maggio del 2020, sempre per lo stesso motivo (traffico di stupefacenti) e avrebbe preso 2 anni e 8 mesi. L’ex ufficiale dell’esercito, sospeso per motivi disciplinari (secondo chi indaga avrebbe dichiarato una laurea in medicina che non aveva), faceva parte di un’organizzazione dedica al traffico di marijuana e hashish fra la Spagna e l’Italia, trasportate nel giro di due anni e nascoste anche in un carro funebre in modo da sfuggire ai controlli. Perché, lo scenario è quello del lockdown per Covid, dove nessuno poteva uscire di casa. Non D’Onofrio, che con una divisa militare addosso, poteva girare liberamente, vantandosene al telefono: « Oh mi ha appena fermato la polizia locale. M’ha visto in divisa, il tesserino, m’ha salutato militarmente e ha detto: “no, no, grazie… buona giornata!”». Lui averebbe avuto anche la responsabilità di recapitare il denaro «ai cittadini cinesi affinché trasferissero illegalmente tali somme in Spagna» grazie alla “hawala”, un metodo di compensazione informale che consentiva di spostare il denaro non passando per i circuiti bancari ed evitando ogni controllo. Non solo, ma anche il compito di «procurare» le armi (i “ferri”) e, nel caso, anche usare modi brutali («Se lo prende dice lo tortura con la corrente» si legge).

L’AIA. La notizia ha colto l’AIA di sorpresa. In un comunicato, che spiega come siano gli associati ad avere l’obbligo di dichiarare eventuali procedimenti, pendenze e misure restrittive, si dice «vittima e indotta in errore (…) un vero e proprio tradimento per tutta l’AIA che non ha poteri istruttori». I punti oscuri restano. Si poteva usare maggiore attenzione nel nominare una figura apicale così delicata. O forse agire come fatto in altre situazioni, ovvero chiedere (o… accettare) le dimissioni dopo il deferimento della Figc per altre vicende... Già, le dimissioni...


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Primo piano
 

Primo piano

Venezia, Vanoli: “Ternana? Avrei preferito avessero cambiato allenatore fra una settimana…” Queste le dichiarazioni di Paolo Vanoli alla vigilia di Venezia – Ternana: “Andreazzoli l’ho sempre apprezzato e l’ho sempre seguito. All’Empoli ha fatto ottime cose, la Ternana ha fatto un ottimo investimento ed è un allenatore importante. Quello...
CANALI TUTTOB
CANALI TUTTOB
L'altra metà di La Top11 della 14esima giornata Portiere: Caprile (Bari)   Difesa: Improta (Benevento) Ceccaroni (Venezia) Mangraviti (Brescia) Beruatto...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita è...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Breda: "Genoa, fai in fretta o diventa dura. Como, avvio condizionato dalla vicenda Gattuso. Cosenza, ancora tu ma nessun contatto” Ai microfoni di TuttoB.com è intervenuto Roberto Breda, già tecnico tra le altre di Reggina, Latina, Ternana, Perugia...
L'altra metà di Assemblea Lega Serie B, approvato il bilancio Assemblea di Lega Serie B a Milano con tutte le società presenti. Approvato il bilancio 2021/22 esposto dal presidente Mauro...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 03 Dicembre 2022

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi sabato 3 dicembre 2022.

Frosinone 31
Reggina 26
Genoa 23
Brescia 23
Ternana 22
Bari 22
Parma 22
Südtirol 21
Ascoli 20
Pisa 18
Cagliari 18
Modena 17
Cittadella 16
Cosenza 15
Spal 15
Benevento 15
Palermo 15
Como 14
Venezia 12
Perugia 11

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy Consenso Cookie