Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B baribresciacarraresecatanzarocesenacittadellacosenzacremonesefrosinonejuve stabiamantovamodenapalermopisareggianasalernitanasampdoriasassuolospeziasudtirol

Giornale di Sicilia: "Il Palermo ai piedi di Brunori: il bomber adesso non vuole fermarsi"

Giornale di Sicilia: "Il Palermo ai piedi di Brunori: il bomber adesso non vuole fermarsi"TuttoB.com
Brunori
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 28 settembre 2023, 11:26Palermo
di Marco Lombardi

"Il Palermo ai piedi di Brunori: il bomber non vuole fermarsi", titola il Giornale di Sicilia

Una vita da… bomber. La serata di martedì non ha fatto altro che confermare la qualità del calciatore che è Matteo Brunorì, vero e proprio simbolo di questo Palermo che punta dritto verso la Serie A. La rabbia, la grinta, la determinazione con la quale il numero 9 in maglia rosa ha giocato la partita contro il Venezia è la concreta dimostrazione dell’attaccamento ai colori del capitano rosanero e le sue esultanze durante e dopo la partita sono la testimonianza diretta del feeling che è riuscito a creare con tutti i sostenitori accorsi al Penzo e i compagni che lo sostenevano e seguivano ir- rimediabilmente.

Una sontuosa celebrazione, nella serata dell’altro ieri, che Brunori aspettava da 5 giornate di campionato, come se fosse una liberazione, la ferrea volontà di voler essere pro- tagonista di una squadra che aspet-tava solamente il suo sigillo per essere perfetta. Ironia della sorte, la prima chance è arrivata dal dischetto. Undici metri che l’anno scorso furono spesso fatali e che troppe volte avevano messo in dubbio la freddezza del bomber rosa dinanzi alla sfera nelle occasioni da penalty.

Ma il destino, a volte, è beffardo e mette alla prova quelli che sono gli interpreti disposti a sfidarlo. E in quel calcio di rigore non c’era solamente Brunori a calciarlo ma tutti i 500 tifosi assiepati sulle tribune del Penzo e le migliaia attaccati alla tv: una rete che sapeva di liberazione e di consacrazione, di un campione che ha fatto e continuerà a fare la storia del Palermo.