Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia

GazzSport - Palermo, rimessa in vita la Cremonese

GazzSport - Palermo, rimessa in vita la CremoneseTuttoB.com
Corini
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 25 febbraio 2024, 09:59Palermo
di Marco Lombardi

"Palermo, rimessa in vita la Cremonese", titola la rosea. 

Pareggia il Palermo e… vince la Cremonese. Alla fine di una partita bellissima è arrivato un punto a testa dal peso specifico ben differente. Quello di Stroppa ne vale 3, come i significati: la sua squadra ha una qualità eccelsa, ha ricavato una corposa dose di autostima e si è tenuta dietro una rivale che aveva la vittoria in tasca. Per questo il punto che Corini s’è messo nel trolley è il minimo sindacale, ai suoi è mancata una qualità dei vincenti: saper chiudere le partite. Le belve, davanti al sangue del rivale ferito, lo sbranano. Il Palermo invece ha aiutato la Cremonese a medicarsi. E l’ha rimessa in vita.

La chiave Dopo 15’ la Cremonese è rimasta in dieci, il Palermo ha segnato due gol alla miglior difesa della B rientrando festante negli spogliatoi per l’intervallo; quando è uscito sembrava avesse ancora lo champagne in mano, tanto da essere raggiunto subito. L’episodio chiave è arrivato dopo un avvio frizzante, quando Segre di testa dal secondo palo ha colpito verso la porta vuota per l’uscita precipitosa di Jungdal: la palla ha colpito un braccio di Sernicola, in fase di recupero, negando il gol. Massa se n’è accorto andando al monitor e concedendo il rigore che Brunori ha trasformato (e sono 10), rimediando alla svista: bravo, non come per i gialli, gestiti con poca uniformità.

Stroppa e Corini non si sono risparmiati, hanno cercato di vincerla mettendo attaccanti e trequartisti mantenendo comunque equilibrio, forse solo negli ultimi istanti si sono preoccupati. Comprensibilmente. Ma è stata uno spettacolo lo stesso: nessuno – malgrado tutto – merita l’insufficienza.