HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TuttoB.com: notizie di Serie B
TMW Radio
SONDAGGIO
SUDTIROL: E' LA SQUADRA RIVELAZIONE DEL TORNEO?
  SI
  NO

Flash news

CorSport: "Caso D’Onofrio, ieri il Consiglio Federale all’unanimità. Abolita la Procura Aia. Giustizia in mano Figc”

16.11.2022 10:12 di Marco Lombardi  
CorSport: "Caso D’Onofrio, ieri il Consiglio Federale all’unanimità. Abolita la Procura Aia. Giustizia in mano Figc”

“Caso D’Onofrio, ieri il Consiglio Federale all’unanimità. Abolita la Procura Aia. Giustizia in mano Figc”, titola il Corriere dello Sport in edicola oggi.

 Quel «non sapevamo, non ci aveva detto nulla» non poteva e potrà bastare come giustificazione. E così l’Associazione Italiana Arbitri ieri ha pagato il conto per non essersi accorta degli affari illeciti di Rosario D’Onofrio, il procuratore arbitrale arrestato giovedì nell’ambito dell’operazione antidroga condotta dalla Guardia di Finanza. Com’è possibile che nessuno sapesse che “Rambo” era già stato condannato per traffico di droga e che continuava a fare il procuratore durante gli arresti domiciliari? Perché non è stato sospeso neppure dopo il deferimento notificato a fine ottobre per la vicenda dell’assistente Avalos? Domande al momento senza risposta.

GIUSTIZIA. «Noi non siamo la mafia» disse Alfredo Trentalange un mese e mezzo fa: parole che alla luce degli ultimi eventi hanno un suono macabro. Certamente ha ragione lui: l’Assoarbitri non è un’associazione a delinquere, eppure l’antimafia sta indagando sull’uomo che nell’associazione avrebbe dovuto far rispettare le regole. E così ieri l’AIA ha perso i suoi organi di giustizia: la procura arbitrale, la commissione disciplina nazionale e la commissione disciplina d’appello confluiranno nella giustizia della Federcalcio a partire dal 1 gennaio. Entro il 15 dicembre vanno adeguati i principi informatori, pena la discesa in campo di un commissario ad acta (il vice segretario generale Figc, Di Sebastiano). Gravina ha parlato di decisione condivisa «con il presidente del Coni Malagò e col ministro Abodi» e nel consiglio di ieri, convocato d’urgenza, la proposta è passata all’unanimità; anche se la Serie A fa sapere di aver detto “sì” solamente per dare un segnale di unità, ritenendo che si sia persa un’occasione per ripensare il sistema arbitrale (senza però illustrare proposte in merito).

CASO. Travolto dallo scandalo, il n.1 dei fischietti Trentalange ha votato a favore con la consapevolezza di perdere parte dell’autonomia tanto rivendicata dalla sua categoria. Due giorni fa alcuni componenti del consiglio nazionale avevano anche pensato di dimettersi. Il presidente ha lasciato Via Allegri per ultimo, aspettando l’inizio della conferenza stampa di Gravina per sfuggire all’assalto dei cronisti; è stata quasi una fuga la sua. «Siamo sotto shock. Ora capiremo e valuteremo. Ma credetemi, non sapevo nulla» ci ha raccontato, quasi in lacrime. Esclusa al momento l’ipotesi commissariamento. «Trentalange è stato democraticamente eletto – ha spiegato Gravina – oggi non ci sono elementi per individuare un provvedimento così violento. Se domani dovessero emergere responsabilità diverse da quelle individuali di D’Onofrio, penso che lui sia il primo a fare un passo indietro. Avvisaglie? Noi D’Onofrio l’avevamo deferito e il deferimento è un atto devastante…». Il presidente federale ha comunque chiesto che a pagare non siano i fischietti italiani: «Loro non c’entrano nulla e hanno già dimostrato serietà. Questa storia ha saccheggiato il calcio, stiamo soffrendo».

GIACOMELLI. Ieri la Direzione Distrettuale Antimafia di Milano ha recapitato alla procura Figc 1100 pagine di fascicolo su D’Onofrio, che integreranno l’inchiesta della procura federale. Dagli atti della Corte d’Appello di Milano emerge che D’Onofrio ha ottenuto dai giudici il permesso «ad assentarsi dal luogo di detenzione domiciliare» per raggiungere la sede dell’Aia e partecipare a quattro riunioni tra giugno e luglio 2021, dopo un precedente diniego. L’Aia in qualche modo sapeva? Sempre ieri, l’ufficio del procuratore Chinè ha ascoltato l’ex arbitro Giacomelli, che ha chiarito diversi punti dell’intervista dei giorni scorsi a “La Repubblica”. E a proposito dell’influenza esercitata da D’Onofrio, chissà se Giacomelli avrà approfondito nell’audizione quella frase che lui sostiene di aver ascoltato il 22 aprile, durante un raduno, quando il suo processo per il “caso rimborsi” non si era ancora concluso: «il vicepresidente Baglioni ha detto in aula che io sarei stato dismesso a fine stagione, ma la mia udienza era fissata solo a maggio».


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Flash news
 

Primo piano

Venezia, Vanoli: “Ternana? Avrei preferito avessero cambiato allenatore fra una settimana…” Queste le dichiarazioni di Paolo Vanoli alla vigilia di Venezia – Ternana: “Andreazzoli l’ho sempre apprezzato e l’ho sempre seguito. All’Empoli ha fatto ottime cose, la Ternana ha fatto un ottimo investimento ed è un allenatore importante. Quello...
CANALI TUTTOB
CANALI TUTTOB
L'altra metà di La Top11 della 14esima giornata Portiere: Caprile (Bari)   Difesa: Improta (Benevento) Ceccaroni (Venezia) Mangraviti (Brescia) Beruatto...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita è...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Breda: "Genoa, fai in fretta o diventa dura. Como, avvio condizionato dalla vicenda Gattuso. Cosenza, ancora tu ma nessun contatto” Ai microfoni di TuttoB.com è intervenuto Roberto Breda, già tecnico tra le altre di Reggina, Latina, Ternana, Perugia...
L'altra metà di Assemblea Lega Serie B, approvato il bilancio Assemblea di Lega Serie B a Milano con tutte le società presenti. Approvato il bilancio 2021/22 esposto dal presidente Mauro...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 03 Dicembre 2022

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi sabato 3 dicembre 2022.

Frosinone 31
Reggina 26
Genoa 23
Brescia 23
Ternana 22
Bari 22
Parma 22
Südtirol 21
Ascoli 20
Pisa 18
Cagliari 18
Modena 17
Cittadella 16
Cosenza 15
Spal 15
Benevento 15
Palermo 15
Como 14
Venezia 12
Perugia 11

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy Consenso Cookie