Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / bari / Serie B
Bari, Iachini: "Curioso di vedere la squadra in trasferta. Ma col SudTirol voglio determinazione"TuttoB.com
giovedì 22 febbraio 2024, 17:49Serie B
di Claudia Marrone
per Tuttomercatoweb.com

Bari, Iachini: "Curioso di vedere la squadra in trasferta. Ma col SudTirol voglio determinazione"

All'antivigilia della sfida contro il SudTirol, valevole per la 26ª giornata del campionato di Serie B, in casa Bari ha parlato mister Giuseppe Iachini, che in conferenza stampa, come si legge su tuttobari.com, ha analizzato il match: "Non dobbiamo sottovalutare il Sudtirol, è un gruppo che lo scorso anno ha fatto la semifinale playoff, a gennaio sono arrivati giocatori importanti come Kurtic e Molina, che in questa categoria fanno avere un grosso salto di qualità. Dobbiamo andare lì con personalità, mi aspetto il giusto atteggiamento e determinazione. Voglio che giocare in trasferta non sia diverso, ma che ci siano costanti passi avanti. Le risposte le avremo solo dopo la sfida, anche io sono curioso di verificare le eventuali differenze fra giocare in casa e fuori. Se si vuole arrivare in alto non devono esserci, dobbiamo continuare a lavorare per migliorare giorno per giorno e accelerare, visto che di tempo non ne abbiamo tanto".

E aggiunge: "Siamo ancora in fase di studio e di apprendimento, sono convinto che possiamo migliorare molto. Stiamo lavorando in maniera costante, dobbiamo continuare a battere perché l'unica strada che conosco è quella del lavoro, della ripetizione dei concetti e delle situazioni. Oggi abbiamo bisogno di un attimo in più per capire gli automatismi e dove sono i compagni. Il modulo? Abbiamo preparato qualche alternativa, i moduli sono tutti giusti e tutti possono essere sbagliati. Conta l'atteggiamento e la personalità che la squadra porta in campo, in questo voglio vedere crescita".

Parlando della rosa, il discorso si sposta poi sulla sostituzione dell'infortunato Maita: "Per me sono tutti uguali, io guardo il campo e vedo chi può essere un attimo più avanti sotto l'aspetto della continuità e della partita. Le risposte le posso vedere dopo, in partenza devo guardare il percorso di ciascuno nel recente passato, così come le condizioni fisiche, solo dopo mi posso basare sul discorso tattico. Ma in questa fase viene prima quello fisico, non so cosa può fare un ragazzo dall'inizio un calciatore che sta fuori da tanto come Lulic. Parlando con lui, con Acampora e con Bellomo vedremo quella che sarà la soluzione più idonea. Menez? Mi sarebbe piaciuto allenarlo senza un crociato rotto, ha dovuto inserire un crociato artificiale per tornare il prima possibile. Del Piero per tornare ci mise un anno, noi questo tempo non l'abbiamo, per questo stiamo provando a fare lavori specifici, il ragazzo sta rispondendo bene ed è partecipativo".

Conclude: "Ripeto che se non dai atteggiamento e mentalità alla squadra, questa non la prende da sola. Ma al tempo stesso serve compattezza per non prestare il fianco all'avversario, per questo ho chiesto ai ragazzi apprendimento perché serve diventare il miglior attacco e la miglior difesa, aggiungendo personalità, senza subire fattore ambientale o pressioni. Sono arrivato a Bari con grande entusiasmo, perché fa parte del mio lavoro".