Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / bari / In Primo Piano
Iachini, “una vita da mediano”… ma non solo: equilibrio e organizzazione le chiavi per vincere
giovedì 22 febbraio 2024, 20:30In Primo Piano
di Luigi Arbore
per Tuttobari.com

Iachini, “una vita da mediano”… ma non solo: equilibrio e organizzazione le chiavi per vincere

Come sempre un fiume in piena, mister Iachini, nella consueta conferenza stampa pre-gara, per l’occasione anticipata di un giorno. Il Bari andrà in scena, infatti, sabato pomeriggio contro il Sudtirol e per domani è prevista la partenza per Bolzano. Nel presentare la sfida, Iachini è apparso risoluto e disponibile a spiegare alcune dinamiche in vista della sua terza partita -la prima in trasferta- sulla panchina dei biancorossi.

Per quanto riguarda lo stile di gioco, l’allenatore non sembra disposto (per ora) a cambiare. Anche se ha ammesso di aver lavorato anche su alternative. Probabilmente, il 4-3-1-2 sarà il vestito del Bari per il prossimo futuro e, alcuni giocatori più di altri, dovranno adattarsi al gioco, magari trovando nuova vita calcistica. Il discorso fatto per Morachioli, può essere traslato, per ruolo, anche a Kallon e Achik. Alcuni elogi, invece, ad altri singoli, come Menez e Nasti.

La non perfetta condizione fisica di Sibilli e gli appuntamenti ravvicinati, potrebbero lasciare spazio all’ex Milan, nonostante il mister sottolinei l’importanza di pensare partita per partita. Discorso analogo per Lulic, da ritrovare fisicamente e attualmente forse più indietro di altri colleghi.

Iachini, come detto però, non si pone obiettivi oltre il Sudtirol. Se non quello di continuare a migliorare, nell’atteggiamento e nell’organizzazione di gioco. Perché, proprio un punto su cui ha voluto mettere l’accento il mister, è che 'Iachini' non è solo motivazione e carattere. Per vincere serve anche altro, ha spiegato il mister. E sarà proprio questo “altro” -ovvero equilibrio, gioco e qualità- quello su cui questo Bari dovrà dare risposte sul campo.