Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / ternana / Pagelle
Ternana-Parma 1-3, le pagelle: Luperini e Distefano i migliori in campo Gli errori purtroppo pesano: Amatucci, Capuano e Raimondo
sabato 2 marzo 2024, 16:07Pagelle
di Ternananews Redazione
per Ternananews.it

Ternana-Parma 1-3, le pagelle: Luperini e Distefano i migliori in campo Gli errori purtroppo pesano: Amatucci, Capuano e Raimondo

IANNARILLI 6,5 salva la porta in almeno due circostanze, tiene a galla la Ternana che ha deciso di giocarsi la partita a viso aperto. Dimostra grande sicurezza quando, per esempio, addirittura dribbla Bonny. Nel secondo tempo meno impegnato, ma comunque efficace. Ci rimane il dubbio che in occasione del primo gol avrebbe potuto tentare l’uscita per aiutare Capuano
SGARBI 6 per la difesa - che accetta spesso l’uno contro uno - è un pomeriggio di corsa e di grande concentrazione. E come in tutti i duelli alle volte si vince e alle volte si perde
CAPUANO 5 soffre Bonny, soprattutto la sua fisicità. In occasione - soprattutto - del gol, viene “mangiato”. Nella consueta gara da gladiatore, stavolta perde qualche duello in più, contro i primi della classe.
DALLE MURA 6 il confronto con Partipilo è uno dei temi della partita. Non sempre riesce a limitarlo. Non va certo meglio con Man!
CASASOLA 6,5 una buona spinta sulla fascia, con continuità. Si fa vedere in area di rigore più spesso del solito. Tanti cross, tante giocate, tanto coraggio. Forse sarebbe il caso di farlo tirare dagli 11 metri. Cerca anche l’anticipo sul terzo gol del Parma, senza riuscirvi. Unico neo della partita (dall’83’ FAVASULI sv
LUPERINI 7 si guadagna il calcio di rigore che avrebbe potuto riaprire la partita nel primo tempo con la specialità della casa: l’inserimento in area. Nel primo tempo meno protagonista, ma nel secondo si esalta. E diventa il giocatore più pericoloso della Ternana. Si conferma ai livelli di Palermo. E con questo Luperini - che sa coniugare le due fasi - la Ternana ha trovato equilibrio
AMATUCCI 5 dopo un mese da protagonista è la sua prima partita sottotono. Anzi non è neanche giusto dire sottotono, perché la prestazione in assoluto è certamente buona, ma entra con un doppio errore in uno dei momenti chiave della partita. Peccato (di gioventù) (dal 53’ FATICANTI 6 eredita il ruolo di Amatucci senza affanni, cercando una rimonta che minuto dopo minuto diventa sempre più difficile)
PYYHTIA 6,5 bissa la buona prova di Palermo, si fa vedere anche dalle parti di Chichizola. E’ determinato e sicuro, in una partita di intensità (dal 53’ DE BOER 6,5 anche in questo caso, aver messo un giocatore fresco, regala alla Ternana qualche guizzo in più. Si fa vedere in avanti e dietro, con efficacia)
CARBONI 6 partita ordinata senza troppe sbavature e troppe difficoltà. Ma anche senza grandi guizzi. Tre partite in una settimana da acciaccato già sono però una grande testimonianza del suo attaccamento (dal 46’ DISTEFANO 6,5 pronti via piazza subito il cross dal quale nasce il gol di Luperini. Ma è tutta la partita, anche se non necessariamente in un ruolo “suo” che dà la dimostrazione di quanto sia pericoloso e coraggioso. E’ uno degli elementi in più di questa squadra: sarà fondamentale per la corsa-salvezza)
PEREIRO 6 non si fa vedere come a Palermo, ma non è da “Chi l’ha visto”. Fa ammonire Partipilo, cerca i suoi compagni in avanti. Gli manca il guizzo personale, soprattutto nel momento in cui la Ternana poteva riequilibrare la gara (dal 60’ FAVILLI 6 di tiri in porta non ne arrivano, ma fa prendere cartellini agli avversari e crea apprensione. In coppia con Raimondo lo avevamo visto per pochissimo tempo: dimostra ancora una volta che si può riproporre)
RAIMONDO 5,5 sembrava la sua giornata, era sempre pericoloso. Mette paura a Chichizola in un paio di occasioni, fa un numero di prestifio ma prende solo palo, poi spreca nel peggior modo possibile l’occasione migliore della partita. Capita, per carità. Nessun dramma. Ma pesa. Capita soprattutto in un processo di crescita: giusto però appluadirlo è questo lo spirito che bisogna tenere con questa squadra e questi ragazzi. E infatti rientra sempre tonico