Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / ternana / In Primo Piano
Le 5 cose che abbiamo imparato da Palermo-TernanaTuttoB.com
Roberto Breda Ternana
© foto di Federico Gaetano
mercoledì 28 febbraio 2024, 19:01In Primo Piano
di Ternananews Redazione
per Ternananews.it

Le 5 cose che abbiamo imparato da Palermo-Ternana

Dopo il pareggio interno contro il Lecco la Ternana conquista i tre punti in casa del Palermo

La Ternana ha infilato la seconda vittoria consecutiva in trasferta. Dopo quella in casa della Reggiana i rossoverdi si sono ripetuti in casa del Palermo. Al "Barbera" le Fere hanno vinto 2-3 davanti ad oltre 20mila tifosi rosanero. 

Ecco LE 5 COSE CHE ABBIAMO IMPARATO DA PALERMO-TERNANA

RAIMONDO BOMBER DA TRASFERTA
Abbiamo imparato che Antonio Raimondo è il bomber da trasferta per eccellenza della Serie B. La punta di proprietà del Bologna ma in prestito alla Ternana ha sfruttato il turno infrasettimanale per avvicinarsi alla doppia cifra di reti segnate in una stagione. Al “Barbera” di Palermo davanti ad oltre 20mila persone ha messo a segno il terzo gol della Ternana, quello poi risultato decisivo per la vittoria sui rosanero ma soprattutto il suo nono centro stagionale. 9 gol, tutti realizzati in trasferta. 

LA TERNANA GIOCA MEGLIO CON LE BIG
Abbiamo imparato che la Ternana gioca meglio con le big o almeno con quelle squadre che non guardano soltanto a come evitare di subire gol ma a come farne. E così dopo le difficoltà avute al “Libero Liberati” contro il Lecco ha confermato quanto di buono fatto a Reggio Emilia nella vittoria per 3-1 sulla Reggiana. A Palermo si è ripetuta la stessa cosa. Contro una squadra ha giocato per attaccare i rossoverdi sono riusciti ad esaltare le proprie caratteristiche quali riconquista palla e attacco alla profondità.

GLI STADI DA SERIE A ACCENDONO PEREIRO
Abbiamo imparato che Gaston Pereiro si accende negli stadi da Serie A. Era successo al “Mapei Stadium” si è ripetuto nel turno infrasettimanale al “Barbera”. Contro il Palermo il fantasista uruguaiano è stato molto più partecipe nella manovra delle Fere. Si è sacrificato in fase di copertura, ha fornito un assist ma soprattutto ha toccato molti più palloni della gara casalinga contro il Lecco.

DALLE MURA C’E’
Abbiamo imparato che se la Ternana dovesse averne bisogno può contare su Christian Dalle Mura. Il difensore ha giocato la sua prima partita da titolare con la maglia rossoverde. Lo ha fatto contro il Palermo ed è sembrato che giocasse con i compagni da una vita. Mai una sbavatura, mai un tentennamento. Anzi nella seconda parte della ripresa si è anche tolto qualche soddisfazione regalando un paio di affondi importanti nella trequarticampo avversaria. 

AVEVA RAGIONE CAPOZUCCA E’ STATO COME DAVIDE CONTRO GOLIA
Abbiamo imparato che Stefano Capozucca aveva ragione. Ha dipinto la sfida tra il Palermo e la sua Ternana come la storia di Davide contro Golia. E così è andata. Perché alla fine come nella storia l’ha spuntata il piccolo pastorello ovvero la Ternana che ha conquistato tre punti molto pesanti in chiave salvezza abbattendo il gigante. Alla squadra di Roberto Breda non è servita nessuna fionda ma i tre gol messi a segno da Pereiro, Pyyhtia e Raimondo.