VERSIONE MOBILE
  HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
Da TuttoB.com le ultimissime notizie sul campionato cadetto
SONDAGGIO
VICENZA: GIUSTO ESONERARE BISOLI?
  SI
  NO

TMW Mob
PRIMO PIANO

Pro Vercelli, il pres. Secondo: "Essere fuori dalla zona rossa è un risultato importante. Possiamo fare un ritorno migliore"

09.01.2017 23.00 di Christian Pravatà  Twitter:    articolo letto 505 volte
Fonte: www.magicapro.it
© foto di Andrea Ninni/Image Sport

Oggi il Presidente della Pro Vercelli Massimo Secondo ha incontrato i tifosi delle “Bianche Casacche”. Queste le parole del Presidente, rilasciate nella sala stampa dello stadio “Silvio Piola” e riprese dai colleghi di Magicapro.it

Vi ringrazio per essere venuti, questo incontro mi era stato richiesto da molti tifosi. Non ho cose particolari da dire, preferisco lasciare spazio alle vostre domande. Abbiamo deciso di farlo ora, al termine del girone d’andata, per tracciare un bilancio. Abbiamo fatto 24 punti, gli stessi dell’anno scorso: avevamo tutte le trasferte su campi caldi, il calendario era un po’ particolare. Rispetto all’anno scorso abbiamo una squadra più giovane, essere fuori dalla zona rossa al giro di boa è un risultato importante. Le ultime tre partite, con due vittorie importantissime, ci danno ulteriore fiducia. Sono sicuro che potremo fare un girone di ritorno migliore rispetto a quello d’andata. I giovani migliorano partita dopo partita, acquisiscono esperienza. Possiamo giocarcela alla pari con tutti: le squadre giovani difficilmente hanno continuità, ma gli ultimi risultati ci danno forza. Ma non voglio dilungarmi, lascio la parola a voi.

Con innesto giusto si può arrivare ai playoff? Speriamo sia di buon auspicio. Noi dobbiamo raggiungere rapidamente la quota salvezza, poi se riusciamo a fare meglio ben venga. Ma pensare ai playoff oggi è un pochino pericoloso: dobbiamo fare più punti nelle prime tre giornate rispetto all’andata. Spero però che lei abbia ragione (sorride, ndr.). Abbiamo giocatori con grandi potenzialità e possibilità di miglioramento: ma fare voli pindarici è troppo pericoloso nel calcio. A me le promesse non piacciono: io credo sia giusto darsi degli obiettivi realistici e alla portata; e la salvezza è sicuramente alla portata di questo gruppo. Promettere altro non mi sembra giusto. Pubblico? Siamo la quintultima società per pubblico: abbiamo fatto anche molte promozioni, ma il numero degli spettatori non aumenta. Lo stadio pieno, come ha dimostrato il derby con il Novara, aiuta a fare alcuni punti in più. Speriamo non ci siano più polemiche sterili in questa seconda parte di stagione. Centrare tutti gli acquisti è impossibile, neanche la Juventus ci riesce. Ebagua lo vogliamo spostare, non ha fatto benissimo però mi sembra ingiusto fischiarlo dopo 10 minuti della prima partita giocata.

Controproducente dire ci salveremo all’ultima giornata? Le impressioni sono soggettive. Quando ho dei giocatori che sembra non si impegnino in maniera adeguata, fanno la fine di Malonga, che finiscono ai margini della squadra. Da dentro non ho mai avuto l’impressione che i giocatori affrontassero alcune partite partendo già con l’idea di uscire sconfitti. Le partite che lei mi cita (Cagliari, Bologna, Catania, Bari) sono partite difficilissime: il Cagliari, con la rosa molto simile a quella della Serie B, è a metà classifica in A; quindi ci sta andare a Cagliari e non prenderla mai. Con il Verona, quest’anno, ce la siamo giocata, nonostante la sconfitta. Probabilmente ci sono certi stadi ai quali certi ragazzi non sono abituati: e questo può portare a non offrire buone prestazioni.

Giocatori non vogliono venire a Vercelli? Se lei fosse un calciatore, preferirebbe giocare davanti a 15000 persone come a Bari, Verona, Salerno oppure a Vercelli, Cittadella o Latina, dove al massimo si vedono 4000 persone nelle grandi occasioni? Dei sette scudetti non interessa niente a nessun giocatore: questi contano solo per noi tifosi. Parlando con i procuratori, dopo che raccontiamo la nostra storia, vogliono parlare di guadagni. Parlavo con un collega e mi parlava di un giocatore importante che hanno cercato di prendere: gli ha raccontato la storia della sua società gloriosa, ma il suo agente ha risposto che gli interessava un triennale a una cifra importante. Io mi sono reso conto di aver sbagliato Tiribocchi al primo allenamento; ci allenavamo al Bozzino e lui poteva andare anche all’Udinese a fare la Champions League: lui era abituato ad allenarsi a Zingonia e quando è arrivato al Bozzino ha fatto una faccia che era tutto un programma. Da lì ho capito che non avrebbe fatto bene. Pisa e Vicenza non avranno scudetti, ma hanno recenti anni di Serie A e Serie B: fidatevi, contano molto più degli scudetti. Vercelli, poi, è una città che offre poco sotto tutti i profili.

Ronaldo? Con lui avevamo il contratto pronto lo scorso anno: poi tra la sera e la mattina era arrivata un’offerta di tre anni a 600000 euro dalla Lazio, e così è finita la storia. La parte economica è fondamentale, i giocatori al giorno d’oggi vanno a giocare anche in Cina.


TuttoB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie PRIMO PIANO
Altre notizie
      
CANALI TUTTOB
L'altra metà di Serie B, 37a giornata: la TOP 11 di TB Arrembante e cinico, il Cittadella surclassa un Carpi irriconoscibile, sale al quarto posto in classifica e lancia un segnale forte...
L'altra metà di B-SCOUT - Niccolò Carrara: terzino sinistro del Novara La rubrica B-Scout riprende occupandosi di un giovane ragazzo della Primavera del Novara sul quale tenere monitorata la crescita...
L'altra metà di ESCLUSIVA TB - Beppe Sannino: ''La Spal merita la A. L'Hellas soffre ma può fare il salto. Sulle note meno liete...'' Il campionato si prepara a emettere i suoi primi verdetti, una visione completa del momento complessivo del torneo con Beppe...
L'altra metà di Serie B, ufficiale la prima retrocessione dalla A: torna tra i cadetti il Pescara Dopo solo una stagione nella massima serie, il Pescara torna matematicamente nella serie cadetta. E' costata...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 26 aprile 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 26 aprile 2017.

 
Spal 73
 
Hellas Verona 66
 
Frosinone 65
 
Perugia 57
 
Cittadella 57
 
Benevento 55*
 
Carpi 54
 
Spezia 54
 
Bari 51
 
Virtus Entella 51
 
Salernitana 51
 
Novara 50
 
Pro Vercelli 47
 
Cesena 46
 
Avellino 45*
 
Ascoli Picchio 44
 
Brescia 42
 
Trapani 41
 
Vicenza 41
 
Ternana 39
 
Latina 34*
 
Pisa 33*
Penalizzazioni
 
Avellino -3
 
Benevento -1
 
Latina -2
 
Pisa -4

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.