HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
  HOME tb » pisa » Primo Piano
Cerca
Sondaggio TMW
PLAYOUT: CHI RETROCEDE?
  SALERNITANA
  VENEZIA

Gol nerazzurri: contro il Torino l'ultima prodezza in nerazzurro di Piova-gol

16.07.2019 13:30 di Andrea Chiavacci    per tuttopisa.it   articolo letto 23 volte

Due gol splendidi regalano al Pisa una vittoria bella e spettacolare contro il Torino di Emiliano Mondonico. Era il 16 dicembre 1990  e il Pisa delle 2P, Padovano e Piovanelli, sembrava aver ritrovato la strada giusta dopo un periodo difficile. Piovanelli con quel gol diventa capocannoniere della serie A con 8 reti, alla pari con un certo Marco Van Basten, e si guadagna la convocazione in Nazionale  da parte del C.t. Azeglio Vicini per la partita di Cipro, valida per le qualificazioni a Euro ’92.

Prodezza lampo di Padovano. Il Pisa di Mircea Lucescu dopo la grande illusione delle prime giornate fa i conti con la dura realtà della serie A e, pur offrendo un buono spettacolo a livello di gioco, subisce troppe reti scivolando così nella parte bassa della classifica. La clamorosa vittoria in rimonta per 3-2 con il Cesena ha comunque ridato fiato alle speranze nerazzurre. Il Pisa oltretutto affronta un Torino molto forte dopo una pausa di 15 giorni,  la sfida al Meazza contro il Milan è stata rinviata per l’impegno in Coppa Intercontinentale a Tokyo vinta dai rossoneri con i paraguaiani dell’Olimpia Assuncion, ed è pronto a giocarsela alla pari. Pisa più fresco e Arena Garibaldi ribollente di tifo con Romeo Ancontani che sparge sale a profusione: la partenza con in granata è micidiale. Il Pisa sfiora subito il gol e lo trova al 3’ grazie a Michele Padovano, arrivato nell’estate del ’90 dal Cosenza, ormai “gemello del gol” di Piovanelli. Su un retropassaggio sbagliato dei granata Padovano scatta sulla sinistra e si porta sul vertice basso dell’area di rigore, prima osserva la posizione di Tancredi, poi lascia partire un sinistro che sin infila all’incrocio dei pali dalla parte opposta. Gol capolavoro sotto una Curva Nord impazzita di gioia.

L’ultimo gioiello del Piova. La partita è molto bella con il Torino che mette in mostra il talento cristallino di un giovane Gianluigi Lentini, ma quel giorno trova davanti a sé un Pisa formato gigante. Piovanelli in contropiede potrebbe raddoppiare ma Tancredi respinge di piede. L’attaccante nerazzurro si rifà intorno alla mezz’ora: Piovanelli prende palla sulla trequarti e ingaggia un lungo duello spalla a spalla con il biondo Silvano Benedetti, padre dell’attuale difensore del Pisa Simone, e si porta la palla sul sinistro che fa esplodere al limite dell’area con un rasoterra che si infila sul secondo palo. Altro capolavoro, altri applausi e una lunga corsa sotto la nord tenendo ferma la fascia di capitano che rischia di cadergli a terra. Un gesto istintivo e bello per chi crede in quei giocatori che tengono ad essere bandiere della propria squadra. La partita finisce 2-0 con Simoni che para un rigore a Martin Vazquez, la stagione precedente lo aveva parato a Cravero nello 0-0 dell’Arena, e il presidentissimo Anconetani a far festa in campo con squadra e tifosi. Sembra la svolta e invece Piovanelli si farà male contro la Lazio, entrata da censura di Domini dopo 8 minuti, e il Pisa a fine stagione tona in B.  Quello con il Torino è  l’ultimo gol in maglia nerazzurra del “Piova”. Ma non c’è da esser tristi, la storia purtroppo ci dice questo e non possiamo cambiarla, ma in quegli anni la storia è stata scritta anche dallo stesso Piovanelli. Dal primo gol con la Triestina del 21 dicembre 1986 al suo 41esimo gol contro i granata del 16 dicembre del 1991. Cinque anni, tanti capolavori , e quel tuffo di testa, indimenticabile, del 21 giugno 1987 a Cremona.  Applausi. 


TODOmercadoWEB.es - El sitio del mercado futbolístico actualizado 24 horas al día

Articoli correlati



Altre notizie Pisa

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy