HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TMW Radio
  HOME tb » perugia » News
Cerca
Sondaggio TMW
SUDTIROL: E' LA SQUADRA RIVELAZIONE DEL TORNEO?
  SI
  NO

Anche il Perugia presente a "B Future", per far crescere marketing e comunicazione

01.01.1970 01:33 di Redazione Perugia24.net    per perugia24.net  

La Lega B ha organizzato B Future, una serie di momenti importanti di formazione per gli addetti marketing e comunicazione dei 20 club associati ma anche di confronto sulla crescita e sullo sviluppo del sistema calcio “Italia” con gli addetti ai lavori presenti.

Per il Perugia Calcio presenti il Direttore Generale Attilio Matarazzo, Francesco Baldoni per l'ufficio stampa, Stefano Politelli e Valentino Fronduti per la parte marketing.

Un’occasione di crescita per le società della Serie BKT che hanno avuto la possibilità di confrontarsi negli ambiti della comunicazione sociale e del digital marketing con i massimi esperti a livello nazionale.

Inoltre si è parlato di giovani e sostenibilità all’interno del panel della Lega Nazionale Professionisti Serie B. Coordinati dal moderatore Maurizio Insardà, sono intervenuti la ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, il Presidente della Lega Serie B Mauro Balata, il CT della Nazionale italiana Under 21 Paolo Nicolato, il Direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni, l’ex attaccante della Nazionale Giampaolo Pazzini e il Professore di fisica e tecnica energetica dell’Università di Roma Tre Roberto De Lieto Vollaro a cui è spettato invece affrontare un’altra emergenza del calcio, che è anche del Paese, ossia quella energetica.

Proprio il Presidente Balata ha detto di sentire molto il peso e il tema dei giovani “e che cerchiamo tutti di capire come far sì che crescano e diventino il futuro del calcio, recuperando così quelle posizioni che ricoprivamo quindici anni fa. Noi chiediamo al Governo di essere trattati come una industry”. “Mettiamo nelle stesse condizioni i giocatori italiani degli stranieri in modo che si possano mettere sullo stesso piano ed emergere se sono più bravi. Incentivazione fiscale sui giovani come in Germania e lì ha funzionato, perché non farlo?” si è chiesto Balata.

“Noi come B stiamo facendo molte azioni per stimolare, cambiare e migliorare il nostro calcio, con tanto sacrificio delle nostre società, poi un po’ ci aspettiamo anche dagli altri”.

Balata e Nicolato si sono trovati d’accordo nel dire che “i giovani di oggi non ritrovano riscontro nelle società, noi vogliamo ottenere risultati, ma non spendere tempo per conseguirli”.

Il secondo tema riguarda tutto il Paese ma anche il calcio, cioè il costo energia aumentato del 400%: “Credo ci vogliano scelte decise – ha detto Balata -. Da parte nostra alcune soluzioni le abbiamo già e ne parleremo nella prossima Assemblea del 5 ottobre”.

La ministra Bonetti ha spiegato come sempre di più si sita affermando il ruolo strategico che lo sport gioca per costruire la personalità delle persone con il calcio che rappresenta l’esperienza più capillare nel nostro Paese: “Lo sport educa, in modo integrato con le scuole, le nuove generazioni. Nella riforma del Familiy act si riconoscono come investimenti formativi fare lo sport ai propri figli e quindi sono costi soggetti al rimborso”.

Il direttore Zazzaroni si è detto pessimista: “Ognuno cerca di mettere a posto le proprie casse piuttosto che fare sistema. Le grandi piazze fanno un grande campionato e c’è tanto pubblico, io la B la chiamo genere di conforto perché quando ci sarà il mondiale di Qatar ci sarà la B a ricordarci che esiste il calcio italiano”.

Nicolato, invece, ha posto come centrale il rapporto fra scuola e sport: “In altri stati lo hanno già fatto e noi invece fatichiamo nell’inserire lo sport come una materia vera che merita professionisti che la insegnino, che merita ore e che sia ritenuta importante per la crescita di un ragazzo. Prima questo era delegato ai giochi di strada, ora dobbiamo trovare nuovi spazi affinché i giovani possano allenare la propria motricità”.

Quindi Pazzini: ‘Il nostro mondo è in difficoltà, il nostro sistema è da rivedere. Sono stato sei mesi in Spagna e noi per tante cose siamo rimasti agli anni 90, l’unico vantaggio è che siamo italiani e noi riusciamo sempre a fare qualcosa di buono. C’è da fare molto, tanto, e non saprei da dove partire. Il giocatore giovane ha tutto il diritto di giocare, di sbagliare e imparare, quindi anche la critica deve migliorare ed essere più equilibrata nei giudizi per evitare eccessi in positivo e in negativo’.

De Lieto Vollaro, parlando di energia, ha parlato innanzitutto dell’importanza di disaccoppiare il costo dell’energia elettrica dal costo del gas come “un primo provvedimento che potrebbe diminuire il costo della materia prima. Solo il 40% del costo dell’energia elettrica deriva dal gas, quindi con un provvedimento governativo va affrontata la tutela dei costi delle altre fonti dall’idroelettrico al rinnovabile”. Quindi infrastrutture: “Bisogna metterci mano per una gestione degli sprechi ridotta”.


TODOmercadoWEB.es - El sitio del mercado futbolístico actualizado 24 horas al día

Altre notizie Perugia

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy