Menu Primo pianoCalciomercatoIntervisteEsclusive TBCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie B ascolibaribresciacatanzarocittadellacomocosenzacremoneseferalpisalòleccomodenapalermoparmapisareggianasampdoriaspeziasudtirolternanavenezia
tb / parma / News
Catanzaro, il dg Foresti: "Salvezza ormai certa, ora vogliamo divertirci e dare fastidio alle altre"TuttoB.com
martedì 5 marzo 2024, 10:27News
di Tommaso Rocca
per Parmalive.com

Catanzaro, il dg Foresti: "Salvezza ormai certa, ora vogliamo divertirci e dare fastidio alle altre"

Il direttore generale del Catanzaro Diego Foresti è intervenuto a B-Time, in diretta su TvPlay. Ora che l'obiettivo salvezza è raggiunto, il Catanzaro vuole provare a giocarsela contro le corazzate della B: “Fino a settimana scorsa guardavo la salvezza cercando di rosicchiare sempre più punti. Ormai ci sentiamo al sicuro e vogliamo cominciare a divertirci senza troppi fronzoli per la testa. Abbiamo un gruppo straordinario guidato da un condottiero come Vivarini. Como, Cremonese o Venezia hanno speso tanto e vogliono andare in Serie A quindi la pressione per loro è più alta. Noi siamo lì, vogliamo goderci questo momento e cercheremo di dare fastidio fino alla fine”.

Catanzaro sopresa del campionato? "Vincere non è mai facile e ora i tifosi guardano questa squadra perché gioca in maniera divertente. Vivarini sta portando il suo gioco anche quest’anno, infatti siamo tra le prime sei da inizio campionato e in molti pensavano che questa squadra potesse addirittura vincere la Serie B. Per noi è un anno importante anche perché ci stiamo confrontando con delle realtà che, a livello di proprietà, sono di un livello nettamente superiore: Como, Venezia, Cremonese, Palermo sono guidate da magnati che hanno speso molto più di noi”.

La forza del gruppo: "Il segreto di questo Catanzaro è il gruppo, ormai consolidato in quattro anni. Non abbiamo fatto rivoluzioni, ma cambiato solo qualche giocatore: questo ci ha portato a fare tanta strada. Anche in questa stagione volevamo cambiare il meno possibile cercando di inserire qualche innesto che potesse darci una mano”.