HOME  | REDAZIONE  | NETWORK  | MOBILE EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI  | RSS  
TMW Radio
  HOME tb » cittadella » Como
Cerca
Sondaggio TMW
PANCHINE SALTATE, QUAL E' IL TECNICO CHE FARA' LA DIFFERENZA?
  D'ANGELO - PISA
  CANNAVARO - BENEVENTO
  LONGO - COMO
  BALDINI - PERUGIA

Como, Cerri: "Restare era il mio desiderio. La prossima Serie B sarà durissima, quasi una A"

01.01.1970 01:33 di Marco Lombardi   
Cerri
Cerri
© foto di www.imagephotoagency.it

"Cerri resta a Como: 'Era quello che volevo'", scrive La Provincia. 

La conferma in uno show. Alberto Cerri rimane al Como e venerdì sera, un po’ per caso un po’ per scenografia, il giocatore ha raggiunto per ultimo il palco dove erano saliti i giocatori per la presentazione ai tifosi. Una regìa che ha permesso di valutare l’affetto e la stima della gente azzurra per il totem dell’attacco azzurro. L’applausometro per lui è schizzato in alto, come per Gattuso e Gabrielloni. Cappellino da baseball, fisico da star del cinema, ha tenuto bene la scena. La sua conferma è stata la vera notizia dell’estate. Sembrava perso, la trattativa con il Cagliari difficilissima. Ma poi la società ha mostrato le sue potenzialità economiche, decidendo di aprire il portafogli. Una mossa, tra l’altro, in controtendenza, rispetto alla storia del Como, spesso costretta a mollare i suoi giocatori top quando diventavano oggetto di dispute di mercato. Ora rieccolo qui, il big jim azzurro: sorridente e felice.

Alberto, quanto sei stato vicino ad andare via?

Ci credete che non lo so? Io ero in vacanza lontano, negli Stati Uniti. Il telefono non squillava mai, dunque ero tranquillo. So che a un certo punto il procuratore ha detto che le due società si erano accordate, mancava solo di definire i dettagli tra me e il Como. E lo abbiamo fatto in un attimo.

Si è detto che Cerri voleva fermamente restare a Como. Come mai?

Credo che per un calciatore sia importante l’ambiente dove gioca. Intendo che quando ti trovi bene in un posto, beh è un valore aggiunto importante perché è facile che tu renda meglio. Io a Como mi trovo a meraviglia. Il mio desiderio era quello di restare.

Quel post a maggio, sui social, aveva fatto preoccupare tutti.

Ma no, era stato male interpretato. Non mi sono mai sentito lontano da Como, davvero.

Ti è piaciuta la festa dei tifosi?

E come no? Bellissima, un grande entusiasmo. Non è una cosa scontata partire in un clima simile, dove tutti sorridono e sono motivati e contenti. Questo ci aiuterà sicuramente.

La gag del tuo arrivo in ritardo è stata il clou della serata...

Per la verità io sono un ragazzo schivo, non mi piace essere al centro dell’attenzione. La verità è che siamo stati a sistemare i documenti dell’accordo con il Cagliari sino al tardo pomeriggio, e se non ce l’avessimo fatta per quel giorno non avrei potuto salire sul palco. Questioni formali. Quando si è sbloccato tutto abbiamo raggiunto, con il dg, il posto della festa che il pullman era già arrivato. In effetti l’accoglienza per me è stata speciale. Grazie a tutti.

Hai scritto su un post: felice di rimanere, mi sento come a casa.

E’ vero, l’ho detto: società, squadra, tifosi... Tutto perfetto.

Adesso però comincia il difficile.

Potete dirlo forte. Qualcuno ha detto che sarà un campionato durissimo, che sarà una B quasi A. Beh, per me lo sarà ancora di più. Se guardo le squadre che giocheranno faccio fatica a scegliere chi sarà protagonista. Sarà davvero impegnativo.

E il Como dove potrà arrivare?

Parlare adesso di obiettivi è prematuro. Prima vediamo il mercato, non solo il nostro. Abbiamo una società forte, sono sicuro che allestirà una squadra competitiva. Saprà scegliere gli elementi adatti. E non mi riferisco a nomi altisonanti, ma a elementi utili. I nomi non fanno gol, l’importante è la dedizione e l’impegno [...].


TODOmercadoWEB.es - El sitio del mercado futbolístico actualizado 24 horas al día

Altre notizie Cittadella

   Editore: TMW NETWORK s.r.l. - Partita IVA 02210300519 Privacy Policy