VERSIONE MOBILE
 Martedì 2 Settembre 2014
NOCERINA
CALCIOMERCATO CONCLUSO: CHI SI È RINFORZATO DI PIÙ?
  
  
  
  
  
  
  
  
  

NOCERINA

Nocerina, ora serve un colpaccio

12.04.2012 13:26 di Federico Errante  articolo letto 357 volte
Fonte: resport.it
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com

Puntare a piazzare un colpaccio in trasferta. La svolta nel campionato della Nocerina potrebbe arrivare proprio da un blitz lontano dal prato amico del San Francesco. Una svolta che farebbe classifica, ma che farebbe soprattutto morale, ulteriore, dopo le “botte” d’autostima che i molossi si sono regalati nelle ultime tre gare casalinghe contro Gubbio, Verona ed Empoli. Insomma, c’è bisogno di confermare fuori casa tutto quanto di buono si riesce ad esprimere tra le mura del proprio quartier generale. E’ un obiettivo chiaro per la squadra di Gaetano Auteri, che ha sì pareggiato nel recente derby di Castellammare di Stabia, ma quello contro le vespe di Pierino Braglia è stato l’unico punto ottenuto fuori casa nel 2012. Bisogna infatti risalire fino al 17 dicembre scorso per ritrovare una trasferta senza sconfitta della Nocerina, che pareggiò 2-2 all’Euganeo contro il Padova, facendo seguito all’altro pareggio con uguale risultato ottenuto a Bergamo contro l’Albinoleffe due settimane prima. Il lungo percorso a mo’ di salmoni contro la corrente ci porta fino al lontanissimo 1° ottobre dell’anno scorso, quando una Nocerina ancora non in crisi riuscì ad espugnare il Tombolato, battendo per 3-1 il Cittadella. Sei mesi e mezzo senza successi esterni; un’eternità trascorsa tra sconfitte, delusioni e soli 4 punti raccolti lontano dal campo amico. E allora è il momento di piazzare una zampata decisiva, per interrompere il lunghissimo digiuno e magari incrementare le speranze di potersi aggrappare ai play-out per mantenere la categoria. Troppo lungo, almeno per ora, il distacco dalla zona che garantirebbe la salvezza diretta ai molossi, senza passare per la lotteria della post-season. E poi, diciamola tutta, meglio evitare voli pindarici visto che l’ultimo di questi, fatto dopo la storica vittoria contro la Sampdoria, ha dato il “la” ad un periodo che definire disastroso è forse riduttivo. Già da Grosseto, dunque, occorrerà vedere in campo una Nocerina più arrabbiata, più cattiva dal punto di vista agonistico, più capace di imprimere al match un’intensità maggiore rispetto agli avversari, come evidenziato nelle ultime partite casalinghe. Lavoro di testa più che fisico, dunque, per il tecnico Auteri e la sua truppa. Bisognerà capire che nulla deve cambiare tra i match giocati al San Francesco e quelli sui campi delle avversarie. Certo, non c’è tutto il pubblico di fede rossonera a sostegno, ma non si può certo dire che i supporters molossi abbiano fatto mancare il loro apporto anche a settecento chilometri di distanza. Testa e cuore in campo, per evitare il preoccupante calo di personalità visto al Braglia contro il Modena, ma pure per evitare che si ripetano i tanti, troppi sprechi andati in scena al Luigi Ferraris, con qualche disattenzione di troppo in difesa, ma soprattutto la totale mancanza di cinismo sotto porta, che di fatto ha impedito alla Nocerina di rientrare in partita contro una Sampdoria che nella ripresa ha badato esclusivamente a difendere il doppio vantaggio. Questo, in effetti, è stato forse il problema costante che ha accompagnato la compagine rossonera per la gran parte del suo campionato di Serie B: occasioni da rete create, ma puntualmente sprecate, anche in maniera abbastanza goffa. Sprechi che hanno reso anche vana l’enorme quantità di calci di rigore di cui ha fruito la squadra di mister Auteri, brava ad incunearsi nell’area avversaria ma non altrettanto capace di capitalizzare al meglio quanto costruito.

 


Altre notizie - Nocerina
Altre notizie
 

IL BARI SALE IN CATTEDRA, CLAMOROSO AL "MASSIMINO": ANALISI E RIEPILOGO DELLA 1A GIORNATA DI B

Il primo atto si è compiuto, non senza qualche godibile sorpresa. La Serie B, d'altronde, ci ha abituati all'imprevedibilità del gioco del calcio, alle emozioni al cardiopalmo intrinseche a ogni partita. La vittoria del Perugia tra le mura amiche-al “C...

ESCLUSIVA TB - SIENA, ANTONELLI: "LA MIA STAGIONE PIÙ DIFFICILE MA CI SIAMO PER I PLAY-OFF. ROSSETI UN PREDESTINATO"

Le difficoltà di una stagione a tratti surreale e le ambizioni intatte di serie A: il direttore sportivo del Siena...

SPEZIA-REGGINA, EBAGUA VS GERARDI: UNA SFIDA TRA BOMBER DI CATEGORIA

Questa sera allo stadio "Alberto Picco" si giocherà Spezia-Reggina, anticipo della trentasettesima giornata...

TOP E FLOP - CATANIA - VIRTUS LANCIANO

Il Catania stecca la prima di campionato contro il Lanciano in una gara più che alla portata dello squadrone etneo. La...

PORTA A PORTA - UNA GIORNATA “NO” NON VANIFICA TALENTO E QUALITÀ: BASSI VS LEALI

All'Empoli hanno scelto un portiere fatto in casa: Davide Bassi, classe 85', è cresciuto nelle giovanili e per...
 
Bari 3
 
Ternana 3
 
Perugia 3
 
Avellino 3
 
Frosinone 3
 
Varese 2*
 
Catania 1
 
Virtus Lanciano 1
 
Carpi 1
 
Cittadella 1
 
Livorno 1
 
Modena 1
 
Pescara 1
 
Trapani 1
 
Latina (-1) 0
 
Vicenza (-1) 0
 
Bologna 0
 
Spezia 0
 
Brescia 0
 
Pro Vercelli 0
 
Crotone 0
 
Virtus Entella 0
Penalizzazioni
 
Varese -1

   Editore: MICRI COMMUNICATION Norme sulla privacy